Pfizer prima del lancio dei vaccini nei bambini stava studiando un marcatore di danno cardiaco, la troponina I, in bambini di età compresa tra 5 e 15 anni a seguito dell’inoculo contro il Covid
Se ti piace l'articolo, condividilo

Il rapporto originale completo in PDF

Sapevano dei danni cardiaci prima di imporre il vaccino ai minorenni. La denuncia arriva da un rapporto DailyClout sui documenti interni di Pfizer.

“Pfizer ha studiato segretamente un marcatore di danno cardiaco, la troponina I, in bambini di età compresa tra 5 e 15 anni, in seguito alla vaccinazione COVID con mRNA nel 2021”, denuncia il Dr. Chris Flowers.

“Avevamo avvertito che c’erano prove che il vaccino Pfizer BNT162b2 mRNA COVID causava danni cardiaci negli adolescenti e nei giovani adulti, già nel maggio 2021.

Man mano che emergono sempre più informazioni dal rilascio su mandato del tribunale dei documenti della sperimentazione clinica Pfizer da parte della FDA e tramite e-mail FOIA, l’insabbiamento da parte del CDC delle prove della miocardite associata al vaccino mRNA COVID-19 nei minori, diventa sempre più serio. La miocardite è un’infiammazione del miocardio, con conseguente degenerazione o necrosi dei tessuti.

Ad esempio, nello stesso periodo in cui i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) consigliavano ripetutamente ai genitori di vaccinare i propri figli contro il COVID-19, Pfizer stava segretamente testando i marcatori di danno cardiaco nei bambini vaccinati. Hanno cercato la Troponina I nei minori. Quando si verifica un danno cardiaco, la troponina I, una proteina, viene rilasciata nel flusso sanguigno.

Mentre il CDC esortava i genitori a vaccinare i propri figli, Pfizer stava studiando quanto gravemente il suo vaccino mRNA contro il COVID avesse danneggiato il cuore dei bambini.

Pfizer ha condotto uno studio chiamato “Fase 2/3: ottenimento di campioni di siero per il test potenziale della troponina I”. Lo studio, iniziato nel settembre 2021, è stato “… condotto in 2 gruppi di età al fine di raccogliere campioni di sangue per potenziali test della troponina I. Il gruppo di età più giovane (da 5 a <12 anni) sarà controllato con placebo il che significa che riceverai un vaccino attivo o un placebo. Il gruppo di età più avanzata (da 12 a <16 anni di età) sarà in aperto, il che significa che tutti riceveranno un vaccino attivo.

Poco dopo il rilascio iniziale dei documenti Pfizer, nell’aprile 2022 ho scritto il mio primo rapporto, che presentava prove convincenti del fatto che Pfizer e la Food and Drug Administration (FDA) erano entrambi consapevoli del potenziale di causa di miocardite derivante dall’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) Vaccino anti-COVID a mRNA. Ricerche successive del defunto patologo tedesco Dr. Arne Burkhardt confermarono che la miocardite era causata dall’iniezione di mRNA: egli rivelò la presenza di proteine ​​spike nel miocardio di pazienti sottoposti ad autopsia che erano “morti improvvisamente”, oltre a rivelare cicatrici a seguito di effetti autoimmuni.

Chi sapeva cosa e quando?

Nel febbraio 2021 è diventato chiaro che un segnale di sicurezza per la miocardite era presente nei dati e nella ricerca scientifica “in corso di stampa”, ovvero una ricerca scientifica che aveva superato la revisione paritaria ed era stata accettata per la pubblicazione ma che non era in stampa. Infatti, il 28 febbraio 2021, il Ministero della Salute israeliano ha allertato il CDC di un segnale di sicurezza per la miocardite

Il mio “Rapporto 11: vaccino Pfizer – La FDA non menziona il rischio di danni cardiaci negli adolescenti” precedentemente citato ha chiarito che i comitati che esaminano la distribuzione del vaccino avevano ricevuto informazioni dal documento Pfizer Post-Marketing Experience 5.3.6, pubblicato integralmente nella primavera del 2021 e da altre informazioni pubblicamente disponibili che mostravano 35 casi di miocardite nei bambini entro una settimana dalla somministrazione della seconda dose del vaccino Pfizer mRNA.

Nell’aprile 2021, Israele ha iniziato a esaminare un’incidenza inaspettata di miocardite legata principalmente alla seconda dose del vaccino mRNA COVID. Questa scoperta era contraria al messaggio prevalente in quel momento secondo cui l’infezione da COVID causava la miocardite. Nel giugno 2021, Israele ha segnalato un collegamento tra una seconda iniezione del vaccino Pfizer mRNA COVID e problemi cardiaci nei maschi di età inferiore ai 30 anni.

Le e-mail tra il CDC e la Casa Bianca, ottenute tramite FOIA da Ed Berkovich e riportate da Amy Kelly, mostrano che la Casa Bianca e altre importanti agenzie sanitarie erano a conoscenza di queste informazioni e hanno cercato di nasconderle.

Queste e-mail rivelano il panico all’interno della Casa Bianca e delle agenzie di sanità pubblica, che si è diffuso anche quando le agenzie hanno diretto una costante promozione da parte dei media che il vaccino era “sicuro ed efficace”.

Le e-mail prodotte dal FOIA, nonostante siano state pesantemente oscurate, contengono informazioni rivelatrici. Come ha riferito la signora Kelly, “Sorprendentemente, le e-mail rivelano che i leader più anziani, fino alla Casa Bianca, erano a conoscenza dei danni cardiaci legati ai vaccini mRNA, ma hanno cospirato dietro le quinte per nascondere questo effetto collaterale al popolo americano”. (Per una descrizione completa e un’analisi delle e-mail FOIA, fare riferimento all’articolo di Amy Kelly.)

Come notato sopra, inizialmente il messaggio delle agenzie di sanità pubblica – e quindi il timore generale – era che la miocardite potesse derivare dall’infezione da COVID-19. Questo messaggio ha spinto gli enti sanitari pubblici e i professionisti medici a sostenere la vaccinazione contro il COVID.

Il 23 maggio 2021, Demeter Daskalakis, MD, ruolo di risposta al CDC COVID: responsabile senior, equità nei dati COVID e EnGagement e direttore della Divisione CDC per la prevenzione dell’HIV/AIDS, del Centro nazionale per la prevenzione dell’HIV/AIDS, dell’epatite virale, delle malattie sessualmente trasmissibili e della tubercolosi, ha inviato una serie di diapositive con il nome del file “Myocarditis update deck 5232021 Final” a Henry Walke, MD, MPH, Direttore del CDC dell’Ufficio di preparazione e risposta (la versione FOIA è quasi completamente oscurata). Questo evento ha provocato una raffica di e-mail, per lo più oscurate, tra il personale del CDC e altri.

Pertanto, il CDC sapeva ormai che si era verificata una miocardite correlata al vaccino COVID, ma l’agenzia ha lavorato duramente pubblicamente per ridurre al minimo la gravità di tale rischio e per nascondere quella possibile causa ed effetto”.

Di seguito il report completo in PDF

Fonte: Presskit

Seguici sui nostri social

Telegram Sfero Odysee truthsocial
Pfizer prima del lancio dei vaccini nei bambini stava studiando un marcatore di danno cardiaco, la troponina I, in bambini di età compresa tra 5 e 15 anni a seguito dell’inoculo contro il Covid