La Nato Attualmente Merita l’Etichetta Ufficiale di “Organizzazione Criminale”
Se ti piace l'articolo, condividilo

Abbiamo delegato a dei criminali le sorti dell’Unione Europea e della Nato e poi ci lamentiamo perché abbiamo la guerra, siamo invasi dai migranti, non si arriva a fine mese con lo stipendio, si va in pensione alla soglia di 70 anni, ci obbligano a inocularci dei vaccini che hanno avuto lo stesso effetto di una bomba atomica, siamo obbligati ad andare alla velocità di una lumaca pena una sanzione quantistica con macchine che se non fanno da 0 a 100 in 6 secondi nemmeno le immatricolano……….ma chi sono gli scemi, loro o noi che gli stiamo dietro?

Nato Organizzazione Criminale

Che cos’è un’organizzazione criminale?

La persona media pensa immediatamente ai cartelli della droga locali e internazionali, alle associazioni di trafficanti di esseri umani, alle società di pedopornografia, ai siti di gioco d’azzardo o alla mafia.

Forse a causa di un’immagine creata artificialmente, sostenuta dai media occidentali, la NATO non è facilmente riconosciuta come “organizzazione criminale”.

La NATO non era inizialmente un’organizzazione criminale.

Il trattato che ha istituito la NATO il 4 aprile 1949 prevedeva all’articolo 5 che:

“Le Parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell’America del Nord sarà considerato un attacco contro tutte loro e di conseguenza convengono che, qualora si verifichi tale attacco armato, ciascuna di esse, nell’esercizio del diritto di autodifesa individuale o collettiva riconosciuto dall’articolo 51 della Carta delle delle Nazioni Unite, assisterà la Parte o le Parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre Parti, le azioni che riterrà necessarie, compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza dell’area dell’Atlantico settentrionale”.

Inizialmente la NATO aveva un obiettivo di sicurezza legittimo, compatibile con il Capitolo VIII della Carta delle Nazioni Unite (artt. 52-54), che consente accordi regionali, a condizione che questi siano coerenti con l’oggetto e lo scopo della Carta delle Nazioni Unite e siano subordinati al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Infatti, ai sensi dell’articolo 103 della Carta (“clausola di supremazia”), in caso di conflitto tra un trattato e la Carta, è quest’ultima ad avere la precedenza.

Finché l’Unione Sovietica minacciava l’Europa Occidentale e intendeva espandersi all’Ovest, era legittimo per i Paesi occidentali adottare misure di sicurezza collettiva.

Una conseguenza del trattato NATO è che l’Unione Sovietica ha organizzato un’alleanza concorrente chiamata patto di Varsavia (1955-1991) e che la minaccia di distruzione reciproca assicurata attraverso armi nucleari ha dissuaso entrambi i campi dall’attaccarsi a vicenda.

Questo cambiò nel 1989, quando il leader sovietico amante della pace Mikhail Gorbaciov ritirò le forze sovietiche dall’Europa centrale e orientale e gli fu promesso dall’allora presidente degli Stati Uniti George H.W. Bush e dal segretario di Stato James Baker, che la NATO non si sarebbe mossa “di un pollice” verso est.

Per un breve momento di brillantezza, la possibilità di una pace mondiale sembrava raggiungibile con il disarmo reciproco. Questo cambiò nel 1989, quando il leader sovietico Mikhail Gorbaciov, amante della pace, ritirò le forze sovietiche dall’Europa centrale e orientale e gli fu promesso dall’allora Presidente degli Stati Uniti George H.W. Bush e dal Segretario di Stato James Baker, che la NATO non si sarebbe mossa “di un pollice” verso est.

L’arrivo di Clinton…..

Questo sogno è stato infranto dal presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, quando ha deciso di seguire i consigli dei neoconservatori e la tabella di marcia imperialista del politologo Zbigniew Brzezinski, che ha concepito l’idea di un mondo unipolare sotto un egemone, gli Stati Uniti, che essenzialmente avrebbe sostituito le Nazioni Unite.

La decisione di Clinton di espandere la NATO verso est, in violazione di promesse vincolanti, è stata fortemente criticata da George F. Kennan come un “errore fatale” nel suo saggio nel The New York Times del 5 febbraio 1997.

Dopo il 1997, la NATO si è gradualmente trasformata da alleanza “difensiva” a colosso geopolitico per sottomettere il resto del mondo

Già negli anni ’90, i Paesi della NATO hanno partecipato alla distruzione dell’integrità territoriale della Jugoslavia e nel 1999, senza il consenso del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la NATO ha bombardato la Jugoslavia, violando così l’articolo 2(4) della Carta delle Nazioni Unite.

La guerra di aggressione della NATO nel 1999 è stata una prova generale di ciò che sarebbe seguito.

Ha comportato anche gravi crimini di guerra, tra cui il bombardamento indiscriminato di centri civili e l’uso di armi indiscriminate, come l’uranio impoverito e le bombe a grappolo.

La Jugoslavia è stata solo il preludio di una serie di aggressioni contro Afghanistan, Iraq, Libia e Siria e altrove, durante le quali sono stati perpetrati crimini di guerra e contro l’umanità nella più totale impunità.

La Corte penale internazionale, che è essenzialmente al servizio dell”Occidente collettivo”, non ha indagato su questi crimini e nessun politico o leader militare occidentale è mai stato incriminato.

Al processo di Norimberga del 1945-46, la delegazione americana aveva previsto di processare 14 organizzazioni come criminali, poi ridotte a sei:

  1. il Gabinetto del Reich
  2. il Corpo Direttivo del Partito Nazista
  3. la Gestapo
  4. la SA
  5. le SS
  6. l’SD, lo Stato Maggiore e l’Alto Comando dell’esercito tedesco (Wehrmacht)

L’obiettivo era quello di far dichiarare queste organizzazioni retroattivamente criminali, in modo che i loro membri potessero essere processati più velocemente per la semplice appartenenza.

Naturalmente, questo concetto viola lo stato di diritto, perché comporta una punizione collettiva e sovverte il principio della presunzione di innocenza.

La sentenza di Norimberga considerò tre organizzazioni come criminali di per sé, ma non considerò criminali le SA, il Gabinetto del Reich o la Wehrmacht.

La sentenza di Norimberga, tuttavia, ha creato un precedente (negativo) che potrebbe essere applicato ai Paesi e alle forze della NATO.

Questo, tuttavia, non è necessario, poiché le violazioni delle Convenzioni dell’Aia e di Ginevra da parte delle forze NATO sono così ben documentate che qualsiasi tribunale con giurisdizione appropriata potrebbe processare i membri delle forze NATO in base alle Convenzioni già esistenti senza dover ricorrere al concetto di organizzazione criminale.

Il punto cruciale è che mentre le forze NATO dagli anni ’90 hanno commesso crimini di guerra e crimini contro l’umanità, ciò che è importante oggi è che l’opinione pubblica mondiale riconosca la NATO come una minaccia alla pace e alla sicurezza dell’umanità.

Le sue provocazioni seriali costituiscono il più grande pericolo per la nostra sopravvivenza come specie.

Se la NATO merita l’etichetta di “organizzazione criminale“, ciò che è cruciale non è condurre processi per crimini di guerra, ma neutralizzare la minaccia.

Fonte: Alfred De Zayas per Global Times

Seguici sui nostri social

Telegram Sfero Odysee truthsocial
La Nato Attualmente Merita l’Etichetta Ufficiale di “Organizzazione Criminale”