Direttiva
Se ti piace l'articolo, condividilo

Ministero dei Trasporti, limite di 30 km/h nelle città: solo in alcune strade e motivato.

24 Gennaio 2024

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti guidato da Matteo Salvini aveva definito “non ragionevole” il limite dei 30 km/h per la città di Bologna imposto dal progetto “Bologna Città 30”.

Successivamente, il ministro aveva dichiarato che il MIT avrebbe emanato una direttiva sui limiti di velocità nei centri urbani.

Direttiva che è arrivata in tempi brevissimi e che, adesso, mette in discussione il progetto della città di Bologna.

Cosa dice la direttiva?

Il limite dei 30 km/h nelle città non viene vietato ma la direttiva fissa alcuni paletti ben precisi.

Nello specifico, la deroga sul limite dei 50 km/h sarà possibile solo su “strade o tratti di strada tassativamente individuati, laddove sussistano particolari condizioni che giustificano l’imposizione di limiti diversi“.

Quali sono queste condizioni?

  • Per esempio, l’assenza di marciapiedi e movimento pedonale inteso.
  • Anomali restringimenti delle sezioni stradali.
  • Pendenze elevate.
  • Andamenti planimetrici tortuosi tipici dei nuclei storici e vecchi centri abitati.
  • Frequenza di ingressi e uscite carrabili da fabbriche, stabilimenti, asili, scuole, parchi di gioco e simili.
  • Pavimentazioni sdrucciolevoli o curve in vario modo pericolose.

Possiamo ancora leggere nella direttiva:

Resta fermo che nell’eventuale perimetro che circoscrive tutte le zone a velocità limitata contigue, deve essere mantenuta una rete di strade con limite a 50 km/h tale da garantire i collegamenti tra punti estremi di detto perimetro.

Insomma, stando alla direttiva, nessun Comune potrà applicare un limite di velocità inferiore ai 50 km/h senza una precisa motivazione.

La deroga rispetto al limite generale dei 50 km/h si potrà applicare solo per aree delimitate per la “tutela di primarie esigenze della collettività“.

Si giustificano anche deroghe temporanee come in presenza di afflussi turistici nei periodi di alta stagionalità, o in coincidenza con flussi straordinari di traffico.

La direttiva emanata dal MIT aggiunge anche che “l’imposizione generalizzata di limiti di velocità eccessivamente ridotti potrebbe causare intralcio alla circolazione e risultare pregiudizievole sotto il profilo ambientale, nonché dell’ordinata regolazione del traffico, creando ingorghi e code stradali“.

La presunzione di maggiore sicurezza che deriva dai limiti di velocità più bassi, viene definita come illusoria.

La presunzione di una maggiore sicurezza, che deriverebbe dall’imposizione di limiti massimi di velocità più bassi del normale, è puramente illusoria.

L’esperienza insegna che divieti non supportati da effettive esigenze vengono sistematicamente disattesi, dando luogo, altresì, a una diseducativa sottovalutazione di tutta la segnaletica prescrittiva e, talvolta, all’irrogazione di sanzioni che non hanno un reale fondamento.

 Fonte: hdmotori

Seguici sui nostri social

Telegram Sfero Odysee truthsocial
Direttiva
Tag: