Effetti del 5G sulla salute: dopo questa serie di studi il quadro è completo. La più esauriente bibliografia sul tema.
Se ti piace l'articolo, condividilo

Ora che il massiccio lancio di torri cellulari 5G sta procedendo in tutte le città di tutto il mondo, notevolmente privo delle barriere dei test pre-commercializzazione o degli studi sulla salute e sicurezza, e spinto da leggi favorevoli all’industria, la ricerca viene ora pubblicata sulle esposizioni nella vita reale e sugli effetti sulla salute delle torri 5G operative. Per ora, questa serie esamina solo gli effetti neurologici a breve termine che sono stati segnalati. Gli effetti sulla salute a lungo termine non saranno noti prima di decenni.

La prima indagine sugli impatti sulla salute si trova in una serie di 8 casi clinici svedesi nell’ultimo anno che sono stati consegnati alla comunità scientifica, rivelando che alcuni residenti o vacanzieri che vivono vicino alle nuove torri 5G hanno sviluppato sintomi di malattia da microonde subito dopo l’implementazione della stazione base 5G. Quando questi individui affetti si trasferirono in un’abitazione con campi elettromagnetici più bassi, i loro sintomi si attenuarono. I bambini ora sviluppano sintomi quando una torre cellulare 5G viene posizionata vicino alla scuola (caso clinico 8).

La maggior parte di questi casi sono considerati esempi classici di test di provocazione. In tutti i casi i livelli di esposizione, sebbene alcuni dei livelli più alti misurati dai ricercatori nelle case, erano inferiori agli attuali standard ICNIRP ritenuti “sicuri” e non causavano effetti sulla salute. Questi erano, tuttavia, ben al di sopra dei livelli considerati “sicuri” secondo una solida letteratura a cui si fa riferimento in molti rapporti, tra cui il rapporto BioInitiative e le linee guida sui campi elettromagnetici EUROPAEM .

Le linee guida dell’ICNIRP sono tuttavia ora in fase di elaborazione scientificamente messo in discussione e qualsiasi nuova linea guida prodotta da ICNIRP, OMS, FDA o FCC in futuro sarebbe considerata intrinsecamente errata se si basasse su diversi presupposti errati attuali, il più importante dei quali è che considerano il calore come l’unica causa di danno. Questi 7 casi clinici sono stati preceduti da segnalazioni di sintomi di salute neurologica simili nei residenti e nelle famiglie a Ginevra, in Svizzera , quando le torri 5G furono installate nel 2019 e nei diplomatici all’Avana, in Cina, Austria e negli Stati Uniti dal 2016 al 2022.

Nel 2000, uno studio commissionato da T Mobile sugli effetti sulla salute delle radiazioni dei telefoni cellulari ha rilevato che la base per le linee guida sulla sicurezza è termica, ma c’erano pochi studi sugli effetti non termici (biologici) della RFR per giustificare l’implementazione delle torri cellulari. Il rapporto afferma: “Lo studio dei potenziali effetti sulla salute non può generalmente competere con la velocità dello sviluppo tecnico e del lancio sul mercato del prodotto… Se ci sono indicazioni sufficienti che possano esserci effetti dannosi, il principio di precauzione per la protezione della salute e il si applicherà l’ambiente e le esposizioni evitabili saranno evitate fino al momento in cui si avranno conoscenze sufficienti per un’introduzione più ampia della tecnologia in questione.

Questa teoria trae la sua giustificazione anche dalle esperienze con l’introduzione di tecnologie e prodotti (come l’amianto, il DDT, i CFC, la formaldeide, i preservanti del legno, i raggi X di massa ecc.), che furono ampiamente utilizzati, anche molti anni dopo la erano apparse le prime chiare indicazioni di danni alla salute e all’ambiente”. Quasi 20 anni dopo la pubblicazione di questo rapporto, la tecnologia ha fatto ulteriori progressi, con crescente preoccupazione per i nuovi sistemi 5G (e 6G) con Massive MIMO e tecnologia di beamforming che utilizzano energia e potenza significativamente più elevate . (Tornevik ) . Ci sono pro e contro dei sistemi 5G , ma il peso delle prove attualmente mostra più rischi che benefici.

Caso clinico 1: La sindrome da microonde dopo l’installazione del 5G sottolinea la necessità di protezione dalle radiazioni a radiofrequenza.

Hardell e Nilsson. Annali di casi clinici. 8: 1112. Gennaio 2023 . Nel primo caso clinico di un uomo e una donna sulla sessantina, i sintomi della sindrome da microonde si sono manifestati pochi giorni dopo l’accensione della torre 5G. I sintomi più comuni che si sono manifestati nella coppia sono stati insonnia, irritabilità, stanchezza, scarsa concentrazione, mal di testa, ronzio nelle orecchie (tinnito), vertigini, depressione e sangue dal naso, pochi dei quali erano presenti prima della nuova torre cellulare 5G. È stato notato che la donna aveva sintomi più significativi. I ricercatori sono stati in grado di ottenere misurazioni della radiazione a radiofrequenza (RFR) interna prima e dopo il posizionamento della torre cellulare 5G sul tetto. In Svezia le frequenze utilizzate per il 5G negli ambienti urbani sono tipicamente intorno ai 3,5 GHz e si aggiungono alle attuali frequenze più basse. Hanno scoperto che i livelli di picco RFR nella camera da letto dopo il posizionamento del 5G erano 250 volte superiori a quelli della precedente torre cellulare 3G e 4G che si trovava nella stessa posizione. Gli autori concludono: “Questi sintomi della sindrome da microonde ora presentati sono stati causati da effetti non termici delle radiazioni RF ed evidenziano che le linee guida ICNIRP utilizzate nella maggior parte dei paesi, inclusa la Svezia, non proteggono la salute umana. Sono urgentemente necessarie linee guida basate su tutti gli effetti biologici negativi delle radiazioni RF, nonché il monitoraggio della salute umana, anche a causa del rapido aumento dei livelli di esposizione”.

Caso clinico 2: Sviluppo della sindrome da microonde in due uomini subito dopo l’installazione del 5G sul tetto sopra il loro ufficio.

Nilsson e Hardell. Rappresentante del caso Ann Clin, febbraio 2023 ; 8: 2378. Nel secondo caso clinico, due impiegati di sesso maschile (caso 1 e caso 2) hanno riportato effetti sulla salute dopo che una torre cellulare 3G/4G sul tetto è stata sostituita con una nuova infrastruttura 5G. Nel caso 1 l’uomo di 57 anni accusava spesso sintomi di mal di testa che scomparivano dopo aver lasciato l’edificio, dolori articolari, ronzii nelle orecchie, scarsa concentrazione, deficit di attenzione, stanchezza e bruciore alla pelle. Avrebbe anche avvertito un forte dolore ai gomiti quando lavorava e viveva in ufficio, nonché sensibilità cutanea. Tutti i sintomi sono scomparsi 2 settimane dopo il trasferimento, tuttavia il dolore articolare e il mal di testa riapparivano quando si trovava in aree con radiazioni più elevate. Sente di essere diventato più sensibile alle radiazioni wireless. Nel caso 2, l’uomo di 42 anni, che aveva anche un lavoro/appartamento nello stesso edificio del caso 1, ha avvertito nuovi sintomi di mal di testa, vertigini, scarsa concentrazione, confusione, mal di denti, pressione alla testa e ronzio alle orecchie orecchie, oltre a peggiorare l’insonnia. Tutti i nuovi sintomi, insieme all’insonnia, sono scomparsi quando si è trasferito in un paese con una bassa RFR.

Caso clinico 3: Una donna sana di 52 anni ha sviluppato una grave sindrome da microondepoco dopo l’installazione di una stazione base 5G vicino al suo appartamento

Hardell e Nilsson. Annali di casi clinici e medici. Aprile 2023. Nel terzo caso segnalato, una donna di 52 anni ha sviluppato gravi sintomi di salute subito dopo l’installazione di una torre cellulare 5G di fronte al suo appartamento al secondo piano, a 60 metri di distanza. I sintomi sono scomparsi quando si è trasferita in un altro appartamento con campi elettromagnetici inferiori, ma sono diventati più gravi dopo aver tentato di tornare. Ha avvertito mal di testa, vertigini, problemi di equilibrio, perdita di concentrazione, perdita della memoria immediata, confusione, affaticamento, ansia, tosse, sanguinamento dal naso, sintomi gastrointestinali e cutanei. Le misurazioni sono state sorprendenti: “Il balcone dell’appartamento si trova di fronte alla stazione a valle a 60 metri di distanza. La radiazione RF è stata misurata 10 volte in 1 minuto ogni volta. Entro 10-15 secondi è stato ottenuto ogni volta il livello di picco di misurazione più alto per il misuratore, >2 500 000 μW/m2. Pertanto, con l’esposimetro utilizzato non è stato possibile misurare il livello di picco più alto”. Gli autori notano: “Un’antenna della stazione base 4G era precedentemente attiva nello stesso punto, ma è stato solo con l’implementazione del 5G che i suoi sintomi si sono sviluppati”.

Caso clinico 4: Le radiazioni a radiofrequenza 5G hanno causato la sindrome da microonde in una famiglia che vive vicino alle stazioni base

Nilsson e Hardell. Giornale di scienza del cancro e terapia clinica. 7 (2023): 127-134. Giugno 2023. Nel quarto caso clinico gli autori hanno esaminato una famiglia di tre persone che viveva in un appartamento ad angolo di fronte a due stazioni base 5G appena posizionate situate a 50 e 70 metri sui tetti d’angolo di due edifici adiacenti di 6 piani ma dirette leggermente più in basso verso il 4 th appartamento al piano direttamente dall’altra parte della strada. Tutti i membri della famiglia hanno riportato sintomi, ma la figlia aveva i problemi di salute più gravi con insonnia, mal di testa, problemi di concentrazione e di memoria, disturbi della pelle, battito cardiaco irregolare, sensibilità alla luce, ansia e attacchi di panico. Aveva sintomi di malattia da microonde prima del cambio della torre cellulare, ma i sintomi peggioravano significativamente con la potenza più elevata e le frequenze variabili. Gli autori sottolineano che esistevano stazioni base 3G/4G situate negli stessi punti almeno dal 2013, ma senza sintomi segnalati dai residenti. In questo studio non erano disponibili misurazioni prima dell’implementazione del 5G da parte di ricercatori o agenzie governative.

Rapporto sul caso 5: Un uomo di 49 anni ha sviluppato una grave sindrome da microonde dopo l’attivazione della stazione base 5G a 20 metri dal suo appartamento

Nilsson e Hardell. J Community Med Public Health 7: 382. Nov 2023 . Nel quinto caso clinico, un maschio di 49 anni precedentemente sano ha sviluppato sintomi quasi immediatamente dopo l’installazione di una stazione base 5G a 20 metri dal suo appartamento dall’altra parte della strada. Viveva nell’appartamento da 10 anni senza sintomi. Anche questo si trovava sul tetto di un edificio di 3 piani e purtroppo allo stesso livello dell’appartamento del signore. Gli effetti più gravi sono stati “mal di testa, disestesia (sensazione anomala), perdita della memoria immediata, polso alto e irregolare, compressione del torace, pelle bruciante e lancinante”. I sintomi erano così gravi che lui e sua figlia hanno dovuto lasciare l’appartamento una settimana dopo l’implementazione delle torri cellulari 5G. I sintomi sono scomparsi o diminuiti in breve tempo dopo il trasferimento in un altro appartamento con radiazioni RF inferiori. Sfortunatamente, riapparivano ogni volta che tornava nel suo appartamento per raccogliere i suoi effetti personali. Si rileva ancora che sul tetto dello stesso edificio di fronte all’appartamento dell’uomo era attiva già da 10 anni una stazione base per la rete 3G/4G, periodo durante il quale l’uomo aveva risieduto nell’appartamento senza sintomi. I livelli interni hanno raggiunto il livello massimo misurabile di picco di 3.180.000 μW/m 2 entro 10-15 secondi.

Rapporto sul caso 6: Entrambi i genitori e i loro tre figli hanno sviluppato sintomi della sindrome da microonde mentre erano in vacanza vicino a una torre 5G

Nilsson e Hardell. Annali di casi clinici e medici. 2 dicembre 2023. In questo sesto caso clinico gli autori descrivono la rapida comparsa dei sintomi della malattia da microonde in una famiglia precedentemente sana subito dopo essere arrivata per le vacanze in un cottage estivo a 125 metri da una torre di telefonia mobile con antenne 5G. La famiglia, composta da un uomo, una donna e i loro tre figli, ha sviluppato tutti i sintomi. Per gli adulti i sintomi più gravi erano disturbi del sonno, mal di testa, stanchezza e battito cardiaco irregolare. I bambini hanno anche sviluppato problemi di sonno e mal di testa, ma in più hanno avuto diarrea, dolori allo stomaco, eruzioni cutanee e sintomi emotivi. Gli autori hanno osservato: “Tutti i sintomi sono scomparsi e la salute è stata ripristinata quando la famiglia è tornata a casa propria in un altro luogo senza stazioni base 5G”. Nilsson e Hardell sottolineano: “Negli ambienti urbani in Svezia, le frequenze utilizzate per il 5G sono attualmente nella banda dei 3,5 GHz… Normalmente oggi, le stazioni base 5G utilizzano sia antenne 5G che 4G+, il che complica ulteriormente le situazioni di esposizione nella vita reale. Nei prossimi anni, l’industria delle telecomunicazioni prevede di implementare la tecnologia a onde millimetriche 5G utilizzando frequenze da 24 GHz e superiori. Questa tecnologia non è stata testata nemmeno per quanto riguarda la sua sicurezza per la salute umana e l’ambiente”.

Rapporto sul caso 7: Una donna di 82 anni con ipersensibilità elettromagnetica da quasi quattro decenni ha sviluppato la sindrome da microonde dopo l’installazione di stazioni base 5G nelle sue vicinanze – I principi etici della medicina sono violati

Hardell e Nilsson. Giornale di scienze ambientali e sanità pubblica. 11 gennaio 2024. In questo case report del 2024 gli autori sottolineano le questioni etiche e morali delle torri cellulari posizionate vicino ad anziani e disabili. Descrivono una donna di 82 anni che soffre di lieve ipersensibilità elettromagnetica (EHS) da quasi 40 anni con una significativa esacerbazione dei sintomi di EHS dopo che due torri cellulari 5G sono state posizionate nel suo quartiere. Suo marito, 83 anni, che non mostrava sintomi di EHS prima delle torri cellulari 5G, purtroppo ha sviluppato sintomi significativi dopo il posizionamento delle torri 5G. I sintomi della moglie quali “sensazioni cutanee insolite, mialgia/artralgia, iperacusia (ridotta tolleranza al suono), vertigini, disturbi dell’equilibrio, difficoltà di concentrazione, affaticamento (estrema stanchezza), risvegli notturni, sensibilità alla luce, ditermia globale del corpo (disturbo della regolazione della temperatura), dispnea (mancanza di respiro) e disturbi della pelle” erano di grado 3 su 10 prima dell’installazione e successivamente erano di 4 con alcuni che aumentavano ancora di più, ad esempio “I più gravi erano disestesia di grado 9 e affaticamento di grado 8”.

Suo marito ha avuto un aumento significativo delle artralgie e dei dolori muscolari dopo l’installazione, oltre a nuovi sintomi di “iperacusia, affaticamento, risvegli notturni, irritabilità e bruciore cutaneo”. Anche in questo caso, i livelli rientravano nelle attuali linee guida sulla radiofrequenza (RF). Gli autori includono un diagramma di facile lettura dei diversi limiti di sicurezza dell’ICNIRP, che stabilisce linee guida suggerite per la maggior parte dei paesi in tutto il mondo, insieme ad altre organizzazioni di scienziati e medici che mettono in discussione le linee guida dell’ICNIRP, raccomandando limiti più bassi per la sicurezza pubblica basati su fattori biologici. ed effetti clinici, non solo aumento della temperatura. Viene inoltre sottolineato che la comunità medica non riconosce ancora pienamente le malattie da radiazioni RF e quindi i medici stanno violando i principi morali ed etici di “rispetto per la vita, dignità umana, autodeterminazione, assistenza medica, giustizia e beneficio”. respingendo o ignorando questa condizione.

Rapporto sul caso 8: Un bambino di otto anni ha sviluppato un forte mal di testa in una scuola vicina a un traliccio con stazioni base 5G.

Lennart Hardell, MD e Mona Nilsson. Annali di studi di casi clinici. Articolo 1093. Volume 6. Febbraio. 2024. In questo caso gli autori documentano i sintomi di salute di un bambino di 8 anni dopo che una torre cellulare 5G è stata posizionata a 200 metri dalla sua scuola. A scuola soffriva di forti mal di testa, stanchezza e vertigini. I suoi sintomi si sono risolti a casa. HARdell e Nilsson sottolineano che per il 5G viene utilizzata la tecnica MIMO (Multiple Input Multiple Output), in base alla quale la tecnologia produce impulsi veloci, ripetitivi e molto elevati di radiazioni a radiofrequenza (RF). Prima del lancio non erano stati condotti studi sugli effetti acuti o cronici sulla salute”. Notano inoltre: “Si può presumere che più bambini in questa scuola e in altre scuole con antenne 5G nelle immediate vicinanze soffrano anche di sintomi causati dall’aumento delle radiazioni RF del 5G. I bambini sono generalmente più sensibili degli adulti ai fattori ambientali dannosi. Questo caso di studio sottolinea l’urgente necessità di una moratoria sulla diffusione del 5G

5G: nessuna scienza, nessuna sicurezza, nessun problema

Molti scienziati, agenzie governative e organizzazioni non governative hanno cercato studi sulle telecomunicazioni 5G e non sono riusciti a trovare prove sufficienti della sicurezza. Uno studio recente, Revisione sistematica sugli effetti fisiologici e relativi alla salute dei campi di radiofrequenza rilevanti per il 5G (3-4 GHz e 20-30 GHz), riconosce la necessità di tale ricerca. (Bodewein 2022) Istituto nazionale per la ricerca sanitaria e assistenziale. Novembre 2022.

Un vecchio documento russo, “Biological Effects of Millimeter Wavelengths” di Zalyubovskaya (1977) è stato declassificato dalla CIA nel 2012.

Questo documento descrive in modo inquietante la ricerca sia sugli esseri umani che sugli animali che mostra una miriade di effetti avversi delle lunghezze d’onda millimetriche. L’autore osserva che la tecnologia delle onde millimetriche è stata utilizzata per anni senza che venissero condotti studi sugli effetti biologici. I ricercatori hanno scoperto che   “le onde millimetriche causano cambiamenti nel corpo che si manifestano in alterazioni strutturali della pelle e degli organi interni, cambiamenti qualitativi e quantitativi nella composizione del sangue e del midollo osseo e cambiamenti nell’attività riflessa condizionata, nella respirazione dei tessuti… e nel metabolismo nucleare. Il grado di effetto sfavorevole delle onde millimetriche dipendeva dalla durata della radiazione e dalle caratteristiche individuali dell’organismo”. L’autore ha confermato che le onde millimetriche non penetrano nella pelle ma agiscono in modo diverso provocando danni sistemici. Ciò potrebbe essere dovuto ai recettori nervosi della pelle o   al rilascio di molecole biochimiche,   che potrebbero causare i diversi effetti biologici e metabolici osservati come riduzione dell’emoglobina e degli eritrociti, livelli più elevati di cortisolo nel sangue, stimolazione surrenale, disfunzione mitocondriale e soppressione dell’attività il sistema nervoso centrale con notevoli cambiamenti nel fegato, nei reni, nel cuore e nel cervello.

Russell (2018) ha scritto in Espansione delle telecomunicazioni wireless 5 G: implicazioni per la salute pubblica e l’ambiente : “Le attuali lunghezze d’onda delle radiazioni a radiofrequenza a cui siamo esposti sembrano agire come una tossina per i sistemi biologici. È giustificata una moratoria sull’implementazione del 5G, insieme allo sviluppo di comitati consultivi indipendenti sulla salute e sull’ambiente che includano scienziati indipendenti che ricercano gli effetti biologici e i livelli di esposizione delle radiazioni a radiofrequenza. Una sana politica di regolamentazione riguardante le attuali e future iniziative in materia di telecomunicazioni richiederà una valutazione più attenta dei rischi per la salute umana, la salute ambientale, la sicurezza pubblica, la privacy, la sicurezza e le conseguenze sociali. Le normative sulla sanità pubblica devono essere aggiornate per abbinare la scienza indipendente adeguata all’adozione di standard di esposizione su base biologica prima dell’ulteriore diffusione della tecnologia 4G o 5G”.

Moskowitz (2019) , ha scritto un titolo per la sua pubblicazione che è anche una conclusione, “ Non abbiamo motivo di credere che il 5G sia sicuro” . Il dottor Moskowitz è uno scienziato che ha studiato e scritto sul tabacco, nonché sulle radiazioni a radiofrequenza, e fornisce un punto di vista precauzionale nel suo articolo del 2019 , Non abbiamo motivo di credere che il 5G sia sicuro , pubblicato su Scientific American. Ha presentato un’analisi molto chiara della radiofrequenza e degli impatti sulla salute durante i grandi round di medicina ambientale e occupazionale dell’UCSF intitolati “Rischi per la salute delle radiazioni in radiofrequenza: implicazioni per il 5G” il 24 settembre 2020. La condivisione delle diapositive è   qui.

Hardell (2021) nota in merito al rapporto del Consiglio sanitario dei Paesi Bassi che “Il comitato del Consiglio sanitario ha raccomandato di non utilizzare la banda di frequenza [millimetrica] di 26 GHz fino a quando non saranno stati studiati i rischi per la salute. Per le frequenze più basse sono state raccomandate le linee guida della Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti. La conclusione che non vi sia motivo di interrompere l’uso di frequenze più basse per il 5G non è giustificata dalle attuali prove sui rischi di cancro commentati in questo articolo. È urgentemente necessaria una moratoria sull’implementazione del 5G per la comunicazione wireless”.

Redmayne e Maisch (2023 ) notano: “Questa [nuova banda di frequenza 5G] sarà trasmessa utilizzando il beamforming, una nuova introduzione nelle esposizioni in campo vicino… Molte fonti significative concludono che non c’è ricerca sufficiente per garantire la sicurezza anche dal punto di vista del calore. Ad oggi, non sono state pubblicate ricerche in vivo, in vitro o epidemiologiche che utilizzino esposizioni a segnali formati da fasci della New Radio 5G”.

Il rapporto del Government Accountability Office (GAO) degli Stati Uniti del 2020 -5G Wireless Capabilities and Challenges for an Evolving Network

Rapporto completo che evidenzia le sfide della privacy e della sicurezza informatica, nonché i rischi per la salute dei sistemi wireless 5G. Il rapporto rileva che la tecnologia 5G a onde millimetriche è nuova e diversa con antenne multiple e capacità di beamforming e che ;

  • “Non è stata condotta alcuna ricerca per caratterizzare l’esposizione a lungo termine alle molteplici antenne attive con beamforming che sono una caratteristica del 5G”.
  • “Non è noto come i segnali provenienti da queste antenne possano influenzare la salute umana a lungo termine. Potrebbe essere impegnativo dal punto di vista computazionale studiare l’esposizione a lungo termine a queste antenne a causa, in parte, delle loro numerose possibili configurazioni”
  • “Mentre la ricerca sugli effetti biologici dell’energia RF è in corso da decenni, la ricerca sugli effetti sulla salute a lungo termine della tecnologia pre-5G è in corso e la ricerca sulla possibilità di effetti sulla salute a lungo termine della tecnologia 5G è in gran parte sconosciuta perché la tecnologia è ancora nuova e non è stata ampiamente utilizzata”.
  • “Secondo uno scienziato dell’NCI, anche dopo che la tecnologia 5G a banda alta sarà stata messa in uso nei prossimi anni, gli effetti sulla salute a lungo termine sulle persone, se presenti, potrebbero non essere conosciuti per molti anni dopo perché alcuni risultati sulla salute potrebbero richiedere decenni per svilupparsi. Le frequenze a banda alta utilizzate nel 5G saranno disponibili per studi osservazionali solo una volta che la tecnologia 5G sarà stata ampiamente utilizzata. Uno scienziato del National Institutes of Health ha osservato che le frequenze 5G non sono ancora chiaramente definite, rendendo difficile comprendere l’impatto sull’esposizione umana”.

Briefing 2020 del Parlamento europeo: Effetti della comunicazione wireless 5G sulla salute umana.

Il briefing del Parlamento europeo del marzo 2020 sugli effetti del 5G sulla salute ammette che “la Commissione europea non ha ancora condotto studi sui potenziali rischi per la salute della tecnologia 5G ”.

La Commission to Study the Environmental and Health Effects of Evolving 5G Technology (2020) è stata la prima commissione formata negli Stati Uniti per studiare gli effetti ambientali e sulla salute della tecnologia 5G. Hanno pubblicato il loro rapporto finale completo (di seguito in PDF) e indipendente il 1° novembre 2020 che comprendeva 15 raccomandazioni. Nel suo rapporto la Commissione ha evidenziato la mancanza di una definizione unica per il 5G e prove insufficienti di sicurezza per 5 th tecnologia di ultima generazione, la preoccupazione che gli standard di sicurezza per le tecnologie wireless non siano stati aggiornati con le ultime scoperte scientifiche e che il 5G sia in gran parte un concetto di marketing.

ANES (francese) 2021 Il rapporto francese dell’ANES, Esposizione ai campi elettromagnetici legati all’implementazione della tecnologia “5G”. Il rapporto collettivo degli esperti, aprile 2021, rileva: “Non sono attualmente disponibili risultati di studi scientifici incentrati sui possibili effetti sulla salute dell’esposizione ai campi elettromagnetici, in particolare in queste nuove bande di frequenza previste per il 5G “. Eppure il lancio è continuato. Nel marzo 2023 la Francia aveva 39.895 siti 5G autorizzati che utilizzavano le bande 700 MHz, 2,1 GHz e 3,5 GHz. La Francia prevede tuttavia di lanciare più reti 5G del futuro”

Piano Francia 2030: avvio della ricerca “Reti del futuro” e 5G .

Revisione degli effetti sulla salute a lungo termine delle torri cellulari 2022

Balmori (2022) Nell’agosto 2022 il biologo e stimato ricercatore Alfonso Balmori ha pubblicato una revisione approfondita della letteratura scientifica esistente sugli effetti sulla salute delle antenne delle stazioni base (torre cellulare) sugli esseri umani dal titolo Evidenza di un rischio per la salute da RF sugli esseri umani che vivono intorno Stazioni base per telefonia mobile: dalla malattia da radiofrequenza al cancro.   Sono stati notati tre effetti 1) malattia da radiofrequenza 2) cancro e 3) cambiamenti nei parametri biochimici . Afferma: “Considerando tutti gli studi esaminati a livello globale (n = 38), il 73,6% (28/38) ha mostrato effetti: 73,9% (17/23) per la malattia da radiofrequenza, 76,9% (10/13) per il cancro e 75,0% ( 6/8) per variazioni dei parametri biochimici. ..Di particolare importanza sono gli studi condotti su animali o alberi vicino alle antenne delle stazioni base che non possono essere consapevoli della loro vicinanza e ai quali non possono mai essere attribuiti effetti psicosomatici.

Revisione del 5G e delle radiazioni wireless su insetti e fauna selvatica

L’equilibrio della natura da cui dipendiamo come esseri umani è stato interrotto. È riconosciuto che i principali fattori conosciuti associati al declino di uccelli, api, insetti e mammiferi sono 1) La perdita di habitat naturale attraverso il degrado e la distruzione e 2) L’inquinamento con l’uso decennale di pesticidi tossici, insieme ad un’ampia varietà di inquinanti ambientali che si bioaccumulano nell’aria, nell’acqua e nel suolo, compresi gli interferenti endocrini, i metalli pesanti, i prodotti farmaceutici e i nanomateriali 3) Introduzione di specie invasive e 4) Cambiamenti climatici che hanno già influenzato la biodiversità e i cicli di vita degli insetti. Gli insetti sembrano particolarmente sensibili ai cambiamenti ambientali .

La moderna radiazione elettromagnetica pulsata artificiale (EMR) proveniente da dispositivi e infrastrutture wireless è meno conosciuta, ma ora aggiunta all’elenco degli inquinanti che colpiscono il biota planetario . È ragionevole presumere che i campi elettromagnetici creati dall’uomo possano causare disagi e danni, poiché tutti ci siamo evoluti in un’atmosfera di livello molto basso e a bassa frequenza, il che spiega perché le cellule e i sistemi nervosi di tutti gli organismi viventi sono in grado di comunicare con EMR a bassa frequenza e bassa potenza e gli organismi utilizzano EMR naturale a basso livello anche per la navigazione e il foraggiamento. Cifra M et al (2021) spiega gli effetti dei campi EMR atmosferici.

Diversi importanti articoli di revisione su questo argomento hanno affrontato domande chiave… Se gli esseri umani vengono danneggiati dalle radiazioni a radiofrequenza wireless (RFR) prodotte dall’uomo provenienti da torri cellulari, reti di contatori intelligenti e linee elettriche, allora che dire degli altri animali, uccelli e insetti? La radiofrequenza artificiale interferisce con la navigazione, la riproduzione o il sistema nervoso? Il 5G con frequenze emesse più brevi e veloci sarà peggiore? Gli effetti degli inquinanti sono sinergici quando la fauna selvatica è esposta a più inquinanti contemporaneamente? L’EMR artificiale potrebbe essere un fattore nel declino del 40% delle specie di insetti segnalato a livello globale nel 2019? Ecco alcuni articoli di interesse recentemente pubblicati.

In tema di effetti sulla fauna e flora selvatica si segnalano anche i seguenti lavori

Declino mondiale dell’entomofauna: una revisione dei suoi fattori determinanti. Conservazione biologica. Volume 232, aprile 2019, pagine 8-27. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0006320718313636

Insetti 2023: Effetti biologici dei campi elettromagnetici sugli insetti: una revisione sistematica e una meta-analisi. Thill, Cammaerts e Balmori. De Gruyter, 23 novembre 2023. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/37990587/

Wildlife 2022: Effetti dei campi elettromagnetici a basso livello su fauna selvatica e piante: cosa ci dice la ricerca su un approccio ecosistemico. Levitt, Lai e Manville. Davanti. Salute pubblica, 25 novembre 2022. Gli autori avvertono: “È tempo di riconoscere i campi elettromagnetici ambientali come una nuova forma di inquinamento e sviluppare regole presso le agenzie di regolamentazione che designano l’aria come “habitat” in modo che i campi elettromagnetici possano essere regolati come altri inquinanti”. https://www.frontiersin.org/articles/10.3389/fpubh.2022.1000840/full

Wildlife 2023: Effetti biologici dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici da 0 a 100 MHz su fauna e flora: relazione del workshop. Pophof B et al. Fisica sanitaria. 2023 gennaio; 124(1): 39–52. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC9722389/

ICNIRP-Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti

La Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) è stata costituita nel 1992 come organizzazione scientifica indipendente senza scopo di lucro con sede in Germania per continuare il lavoro del Comitato internazionale per le radiazioni non ionizzanti (INIRC) dell’Associazione internazionale per la protezione dalle radiazioni (IRPA). ). Il loro statuto stabilisce che lo scopo delle loro attività è quello di raccogliere e riportare studi, sviluppare criteri di protezione e fornire limiti di esposizione alle radiazioni non ionizzanti. Queste linee guida sono utilizzate dalla maggior parte dei paesi del mondo che adottano questi standard. I membri sono 14 tra cui il presidente e il vicepresidente. Le elezioni vengono effettuate dagli attuali membri della Commissione e dalla precedente IRPA.

L’ICNIRP ha un’influenza mondiale

Le linee guida dell’ICNIRP vengono utilizzate come standard dall’OMS e dall’UE per stabilire il limite massimo di sicurezza per le esposizioni alle radiazioni. Quasi tutti i paesi del mondo utilizzano questi standard per le emissioni di radiazioni, ma alcuni utilizzano una base biologica per determinare la sicurezza. La Russia ha standard 100 volte inferiori basati su ricerche approfondite sugli animali, fissando così il limite superiore di esposizione al di sotto del livello che non causa malattie autoimmuni (Mc Cree 1980 ; Grigoriev 2010 ). Italia, Bulgaria e Polonia hanno seguito l’esempio con Russia e avere emissioni inferiori citando il principio di precauzione. ( Foster- Limiti di esposizione 3 modelli ) Il lancio mondiale del 5G è problematico per il settore delle telecomunicazioni poiché il 5G utilizza energia e potenza molto più elevate con Massive MIMO (massive multiple-input multiple-output) e la tecnologia di beamforming. Diversi paesi come Italia, Russia, Polonia e Svizzera hanno limiti di esposizione più bassi. Se i limiti sono quelli della Russia e dell’Italia, allora le zone di esclusione per le torri cellulari sono più ampie e il posizionamento delle torri 5G è più limitato, come notato nella presentazione di questo workshop di settore. Impatto dei limiti ai campi elettromagnetici sull’implementazione della rete 5G. Workshop ITU su 5G, campi elettromagnetici e salute Varsavia, 5 dicembre 2017.

Nel 1998 sono state stabilite le linee guida ICNIRP per la radiofrequenza non ionizzante basate sull’effetto termico (SAR) e sulla densità di potenza. Sono stati esaminati solo gli effetti accertati, quindi il cancro, non è stato considerato un effetto a lungo termine. “Queste linee guida si basano su effetti sanitari immediati e a breve termine, come la stimolazione dei nervi e dei muscoli periferici, shock e ustioni causati dal contatto con oggetti conduttori e temperature tissutali elevate derivanti dall’assorbimento di energia durante l’esposizione ai campi elettromagnetici… Non ci sono informazioni sufficienti su gli effetti biologici e sulla salute dell’esposizione ai campi elettromagnetici delle popolazioni umane e degli animali da esperimento per fornire una base rigorosa per stabilire fattori di sicurezza sull’intera gamma di frequenze e per tutte le modulazioni di frequenza”.

Nel 2006 l’ICNIRP ha pubblicato una monografia. Criteri di salute ambientale – EHC 232 SUI CAMPI STATICI – 2006 . Questo è venuto originariamente dall’OMS dopo aver riconosciuto “l’importanza della salute sul lavoro e degli effetti ambientali”. Il rapporto discuteva costantemente della mancanza di dati o dei limiti degli studi. Sono stati evidenziati gli studi MRI. Hanno raccomandato che: “Poiché non sono attualmente disponibili informazioni sufficienti sui possibili effetti a lungo termine o ritardati dell’esposizione, potrebbero essere necessarie misure precauzionali economicamente vantaggiose come quelle sviluppate dall’OMS (www.who.int/emf) per limitare le esposizioni”. dei lavoratori e del pubblico. Le autorità nazionali dovrebbero adottare standard basati su solide basi scientifiche che limitino l’esposizione delle persone ai campi magnetici statici”.

Il 31 maggio 2011 l’OMS/Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha classificato i campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF EMF) nell’intervallo di frequenza 30 kHz-300 GHz come possibilmente cancerogeni per l’uomo (Gruppo 2B). Di seguito il PDF del Comunicato stampa IARC maggio 2011 .

Nel 2018 l’ICNIRP ha presentato una bozza aggiornata di linee guida per limitare l’esposizione ai campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici variabili nel tempo (da 100 kHz a 300 GHz) . Hardell e Nyberg hanno risposto in un articolo del 2020, Appeals That Matter . Nel 2017 è stato inviato all’UE un appello internazionale con oltre 260 firme di scienziati indipendenti che chiedevano “una moratoria sull’implementazione del 5G fino a quando i rischi per la salute associati a questa nuova tecnologia non saranno stati eliminati”. completamente studiato da scienziati indipendenti dal settore”. Hanno notato i numerosi nuovi studi significativi che mostrano danni biologici non termici derivanti dalla RFR che non sono considerati dall’ICNIRP, nonché studi insufficienti sul 5G. Ci sono state diverse confutazioni alla nuova bozza delle linee guida ICNIRP 2018 che sono rimaste le stesse delle linee guida originali vecchie di 20 anni. Le linee guida continuano ad affermare che i livelli di esposizione dovrebbero essere basati sul calore e mediati piuttosto che considerare i valori di picco delle radiazioni. Non sono stati considerati effetti a lungo termine. Non sono stati considerati effetti biologici o altri effetti sulla salute. La bozza delle linee guida ICNIRP del 2018 continua ad affermare che non ci sono nuovi studi rilevanti per la determinazione degli effetti avversi sul sistema nervoso, sul sistema uditivo, sul sistema neuroendocrino, sulle malattie neurodegenerative, sul sistema immunitario, sulla riproduzione o sul cancro.

Nel 2020 l’ICNIRP ha pubblicato le LINEE GUIDA ICNIRP PER LIMITARE L’ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI (da 100 kHz a 300 GHz). luglio 2018 che non erano molto diverse dalle linee guida di decenni prima.

Dal 1998 sono state condotte molte più ricerche per dimostrare gli effetti avversi non termici sul corpo umano e su altri organismi viventi, compresi gli effetti riproduttivi, neurologici, endocrini, immunitari e cardiaci. Il meccanismo d’azione del danno è stato chiarito anche come danno da stress ossidativo cellulare . Molti scienziati ora affermano che i campi elettromagnetici RF dovrebbero essere classificati come cancerogeni noti e collocati nella categoria più alta, Classe I. (Miller 2018). Aggiornamento sull’epidemiologia del cancro, a seguito della valutazione IARC del 2011 dei campi elettromagnetici a radiofrequenza (monografia 102). Miller A et al. 2018 novembre:167:673-683.

Dopo la pubblicazione delle Linee guida ICNIRP del 2020 ci sono state molte critiche all’ICNIRP. Si nota che sono come un club privato favorevole all’industria che non riconosce punti di vista o ricerche al di fuori delle proprie opinioni. Nordhagen e Flydal (2020) . Il loro articolo, Autori autoreferenziali dietro le linee guida sulla protezione dalle radiazioni dell’ICNIRP 2020 , ha indagato l’ampiezza degli autori e dei gruppi di ricerca dell’ICNIRP 2020 e ha scoperto che, “in pratica tutta la letteratura di supporto di riferimento deriva da una rete di coautori con appena 17 ricercatori al centro, la maggior parte dei quali affiliati all’ICNIRP e/o all’IEEE, e alcuni di loro sono essi stessi autori dell’ICNIRP 2020… le revisioni della letteratura presentate dall’ICNIRP 2020… sono infatti prodotti di questa stessa rete informale di autori collaboratori, tutti i comitati hanno Autori dell’ICNIRP 2020 come membri”. Affermano inoltre che: “Con la sua visione esclusivamente termica, l’ICNIRP contrasta con la maggior parte dei risultati della ricerca, e avrebbe quindi bisogno di una base scientifica particolarmente solida… Pertanto, le Linee guida ICNIRP 2020 non possono offrire una base per una buona governance”. Commento: Aspetti delle linee guida 2020 della Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) sulle radiazioni a radiofrequenza. Hardell L et al. 2021.

ICNIRP e OMS 2024

L’ICNIRP ha annunciato sette nuovi commissari in servizio nel periodo 2024-2028 a partire da luglio 2024. Si teme che questi commissari potrebbero non essere scienziati indipendenti e che i nuovi membri siano ancora legati al progetto EMF dell’OMS, che influenza. Microwave News riporta l’11 dicembre 2023 che, “nonostante tutti i cambiamenti, si prevede che le prospettive e le politiche dell’ICNIRP rimarranno più o meno le stesse”. Ciò significa che verrebbero affrontati solo gli effetti termici (effetti del calore), e non quelli tossici biologici o a lungo termine. L’articolo rileva inoltre: “Russia e Cina che hanno ampi programmi di ricerca sulla salute elettromagnetica e hanno adottato limiti di esposizione più rigorosi di quelli dell’ICNIRP, non sono rappresentati nella Commissione”.

Progetto OMS 2024 sui campi elettromagnetici Revisione dei campi elettromagnetici. Il progetto EMF dell’OMS ha inviato un avviso pubblico nel 2023 secondo cui esaminerà gli effetti sulla salute e sull’ambiente dell’esposizione ai campi elettrici e magnetici, come previsto dal loro mandato. L’analisi delle prove disponibili sarà pubblicata come monografia nella serie Environmental Health Criteria (EHC) dell’OMS, possibilmente nel 2024. Il gruppo di scienziati indipendenti dell’ICBE EMF teme che, dati gli attuali criteri dell’industria e dell’ICNIRP per le emissioni di campi elettromagnetici, come descritto di seguito in loro pubblicazioni, le nuove linee guida sui campi elettromagnetici saranno altrettanto imperfette e non proteggeranno la salute umana o ambientale.

T Mobile aveva pochi studi a supporto dell’implementazione sicura e diffusa delle telecomunicazioni nel 2000

In un rapporto commissionato da T Mobile nel 2000 , gli autori notano, “sulla base delle raccomandazioni della Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP),… [si basano sul SAR] la quantità di energia assorbita dal corpo da il campo entro una data unità di tempo… Parallelamente agli esperimenti che esaminano gli effetti termici, c’è stato un numero crescente di studi che esaminano gli effetti sul corpo dei campi elettromagnetici HF a intensità sub-termiche. Oggi disponiamo di una pletora di studi sperimentali che esaminano una varietà di effetti a tutti i livelli dell’organismo… Il numero di studi che esaminano gli effetti fisiologici delle reali esposizioni mobili è ancora molto basso, rispetto al grado di penetrazione raggiunto dalla tecnologia e numero di persone (potenzialmente) esposte”. Ammettono: “Lo studio dei potenziali effetti sulla salute non può generalmente competere con la velocità dello sviluppo tecnico e del lancio del prodotto… e di fronte a uno stato di ricerca scientifica incompleta”, è possibile solo valutare i potenziali pericoli dei dispositivi mobili telecomunicazioni utilizzando i risultati generati da una ricerca non coordinata, che è ancora orientata principalmente verso temi e criteri di rilevanza esclusivamente scientifica, piuttosto che verso le esigenze della società nel suo insieme… . Se ci sono sufficienti indicazioni che possano esserci effetti dannosi, si applicherà il principio di precauzione per la protezione della salute e dell’ambiente e le esposizioni evitabili saranno evitate fino al momento in cui non ci saranno conoscenze sufficienti per una più ampia introduzione della tecnologia in questione . Questa teoria trae la sua giustificazione anche dalle esperienze con l’introduzione di tecnologie e prodotti (come l’amianto, il DDT, i CFC, la formaldeide, i preservanti del legno, i raggi X di massa ecc.), che furono ampiamente utilizzati, anche molti anni dopo la erano apparse le prime chiare indicazioni di danni alla salute e all’ambiente”.

ICBE-EM F – La Commissione internazionale sugli effetti biologici dei campi elettromagnetici sfida le linee guida ICNIRP

In un rapporto del Parlamento europeo del 2019 , 5G : State of Play in Europe, USA and Asia , l’analisi approfondita indica che il 5G è un’esigenza artificiale . Il rapporto afferma: “Poiché il 5G è guidato dal settore delle forniture di telecomunicazioni e dalla sua lunga coda di produttori di componenti, è in corso un’importante campagna per convincere i governi che l’economia e l’occupazione saranno fortemente stimolati dall’implementazione del 5G”.

“Non ho dubbi che, al momento attuale, il maggiore elemento inquinante dell’ambiente terrestre sia la proliferazione dei campi elettromagnetici (CEM)”. Dott. Robert O. Becker, 1985. Medico ortopedico, ricercatore in campi elettromagnetici e autore di “The Body Electric”, due volte candidato al Premio Nobel.

Guarda anche

PST Scienza dell’elettrosensibilità

Storie di elettrosensibilità PST

Effetto neurologico PST

Per ulteriori informazioni sui casi riportati sopra, inviare un’e-mail a info@radiationprotection.se  

Riferimenti bibliografici

2020-Ufficio per la responsabilità governativa (GAO). Wireless 5G: capacità e sfide per una rete in evoluzione . GAO-21-26SP. 24 novembre 2020. Stati Uniti
https://www.gao.gov/products/gao-21-26sp

Telecomunicazioni: i requisiti di esposizione e test per i telefoni cellulari dovrebbero essere rivalutati. Ufficio contabile del governo degli Stati Uniti. GAO-12-771Pubblicato: 24 luglio 2012. https://www.gao.gov/products/gao-12-771

ANSES Esposizione a campi elettromagnetici legata all’implementazione della tecnologia 5G. 2021. https://www.anses.fr/fr/system/files/AP2019SA0006Ra.pdf

Distribuzione del 5G: stato di avanzamento in Europa, Stati Uniti e Asia. Parlamento europeo. 2019. https://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/IDAN/2019/631060/IPOL_IDA(2019)631060_EN.pdf

Effetti della comunicazione wireless 5G sulla salute umana. Breifing del Parlamento europeo.2020. https://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/BRIE/2020/646172/EPRS_BRI(2020)646172_EN.pdf?fbclid=IwAR3cD0TDOqGHpOmCWPnANN-Y6RBaa0eoQ4ZN0nuUwpVaLL8MIDtt6aKtiYM

ICBE-EMF – Ottobre 2022. Commissione internazionale sugli effetti biologici dei campi elettromagnetici (ICBE-EMF ). Le prove scientifiche invalidano le ipotesi sanitarie alla base delle determinazioni dei limiti di esposizione FCC e ICNIRP per le radiazioni a radiofrequenza: implicazioni per il 5G . Salute ambientale. 21, 92 (2022). Pubblicato il 18 ottobre 2022. https://ehjournal.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12940-022-00900-9

Bodewein et al. Revisione sistematica sugli effetti fisiologici e relativi alla salute dei campi a radiofrequenza rilevanti per il 5G (3-4 GHz e 20-30 GHz). Istituto Nazionale per la Ricerca sulla Salute e l’Assistenza. Novembre 2022. https://www.crd.york.ac.uk/prospero/display_record.php?RecordID=374434

Hardell L. Health Council dei Paesi Bassi e valutazione della quinta generazione, 5G, per la comunicazione wireless e i rischi di cancro . Mondo J Clin Oncol. 2021 giugno; 12(6): 393-403 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34189065/#:~:text=The%20conclusion%20that%20there%20is,Cancer%20risk%3B%20Health%20Council% 20Paesi Bassi .

Moskowitz J. Non abbiamo motivo di credere che il 5G sia sicuro. La tecnologia sta arrivando, ma contrariamente a quanto dicono alcuni, potrebbero esserci rischi per la salute. (2019) Scientific American. 17 ottobre 2019. https://blogs.scientificamerican.com/observations/we-have-no-reason-to-believe-5g-is-safe/

Redmayne M, Maisch DR. Il metodo di valutazione dell’esposizione delle linee guida ICNIRP per le radiazioni delle onde millimetriche 5G può provocare effetti avversi. interno J.Ambiente. Ris. Salute pubblica 2023, 20, 5267. doi: 10.3390/ijerph20075267. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/37047882/

Russell C. Espansione delle telecomunicazioni wireless 5G: implicazioni per la salute pubblica e l’ambiente “Environ Res. 2018 agosto;165:484-495. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29655646/

Un futuro wireless 5G: ci darà una nazione intelligente o contribuirà a crearne una malsana? Cindy L Russell, MD, vicepresidente SCCMA di Community Health. Febbraio 2017. https://www.sccma.org/Portals/19/5G_Wireless_Future_COLOR.pdf

Annali di rapporti di casi clinici e medici Commento Appello nordico: è necessario un quadro normativo più rigoroso sulle radiazioni a microonde provenienti dalle tecnologie wireless – Interrompere l’ulteriore lancio del 5G Hardell L et al. 20 marzo 2023. https://www.researchgate.net/publication/369938829_Annals_of_Clinical_and_Medical_Case_Reports_Commentary_Nordic_Appeal_More_Stringent_Regulatory_Framework_on_Microwave_Radiation_from_Wireless_Technologies_is_Needed_-Stop_Further_Rollout_of_5 G_Corresp

L’Unione Europea dà priorità all’economia rispetto alla salute nel lancio delle tecnologie a radiofrequenza . Rainer Nyberg, Julie McCredden e Lennart Hardell. Recensioni sulla salute ambientale. De Gruyter. 22 settembre 2022. https://www.degruyter.com/document/doi/10.1515/reveh-2022-0106/html

Le valutazioni dell’Unione Europea sui rischi per la salute derivanti dalle radiazioni a radiofrequenza: un altro duro problema (Recensione). Rainer Nyberg, Julie McCredden e Lennart Hardell. Recensioni sulla salute ambientale. DE Gruyter. 23 agosto 2023. https://www.degruyter.com/document/doi/10.1515/reveh-2023-0046/html

Prove di un rischio per la salute derivante dalla radiofrequenza sugli esseri umani che vivono in prossimità di stazioni base di telefonia mobile: dalla malattia da radiofrequenza al cancro . Alfonso Balmori. Ricerca ambientale. 2022 Nov;214(Pt 2):113851. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35843283/

Agenzia catturata: come l’industria federale delle comunicazioni è dominata dall’industria che presumibilmente regola. Norma Alster. Centro per l’etica dell’Università di Harvard Edmond J. Safra. https://ethics.harvard.edu/files/center-for-ethics/files/capturedagency_alster.pdf

Le cartine per sigarette . Stan Ganz, Ph.D. https://www.ucpress.edu/book/9780520213722/the-cigarette-papers

Inventare conflitti di interesse: una storia delle tattiche dell’industria del tabacco . Allan Brandt. Sono J sanità pubblica. Gennaio 2012; 102(1): 63–71. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3490543/

La Commissione studia gli effetti sull’ambiente e sulla salute dell’evoluzione della tecnologia 5G. 2020. Nuovo Hampshire. https://www.gencourt.state.nh.us/statstudcomm/committees/1474/reports/5G%20final%20report.pdf

Comitato internazionale per le radiazioni non ionizzanti (INIRC) della Carta dell’Associazione internazionale per la protezione dalle radiazioni (IRPA). https://www.icnirp.org/cms/upload/doc/charter.pdf

Storia dell’ICNIRP: https://www.icnirp.org/en/about-icnirp/aim-status-history/index.html  

Linee guida ICNIRP del 1998 . https://www.icnirp.org/cms/upload/publications/ICNIRPemfgdl.pdf

Criteri di salute ambientale 232. ICNIRP. 2006. https://www.icnirp.org/cms/upload/publications/EHC232StaticFields.pdf

La IARC CLASSIFICA I CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA COME POSSIBILI CANCEROGENI PER L’UOMO. 31 maggio 2011. https://www.iarc.who.int/wp-content/uploads/2018/07/pr208_E.pdf

Bozza. LINEE GUIDA ICNIRP PER LIMITARE L’ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTRICI, MAGNETICI ED ELETTROMAGNETICI VARIANTI NEL TEMPO (da 100 kHz a 300 GHz). Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti. Luglio 2018. https://www.icnirp.org/cms/upload/consultation_upload/ICNIRP_RF_Guidelines_PCD_2018_07_11.pdf

COMMISSIONE INTERNAZIONALE PER LA PROTEZIONE DALLE RADIAZIONI NON IONIZZANTI. PUBBLICAZIONE ICNIRP – 2020. LINEE GUIDA ICNIRP PER LIMITARE L’ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI (DA 100 KHZ A 300 GHZ). 2020. https://www.icnirp.org/cms/upload/publications/ICNIRPrfgdl2020.pdf

Aggiornamento sull’epidemiologia del cancro, a seguito della valutazione IARC del 2011 dei campi elettromagnetici a radiofrequenza (monografia 102). Miller A et al. 2018 novembre:167:673-683. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30196934/

Autori autoreferenziali dietro le linee guida ICNIRP 2020 sulla radioprotezione . Nordhagen e Flydal. Recensioni in Salute ambientale. 27 giugno 2022;38(3):531-546. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35751553/

Appelli che contano o meno su una moratoria sullo spiegamento della quinta generazione, il 5G, per le radiazioni a microonde . Hardell e Nyberg. Mol Clin Oncol. 2020 marzo; 12(3): 247–257. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7016513/

Commento: Aspetti delle linee guida 2020 della Commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP) sulle radiazioni a radiofrequenza. Hardell L et al. J Cancer Sci Clin Ther 2021; 5(2): 250-285. https://www.fortunejournals.com/articles/aspects-on-the-international-commission-on-nonionizing-radiation-protection-icnirp-2020-guidelines-on-radiofrequency-radiation.pdf

Impatto dei limiti ai campi elettromagnetici sull’implementazione della rete 5G. Workshop ITU su 5G, campi elettromagnetici e salute Varsavia, 5 dicembre 2017. https://www.itu.int/en/ITU-T/Workshops-and-Seminars/20171205/Documents/S3_Christer_Tornevik.pdf

Progetto internazionale CEM dell’OMS . https://www.who.int/initiatives/the-international-emf-

Gruppo di lavoro-avviso pubblico sui campi di radiofrequenza e sui rischi per la salute, 2023 . Sede centrale dell’OMS, Ginevra, Svizzera. https://cdn.who.int/media/docs/default-source/documents/radiation/tg-biographies.pdf?sfvrsn=38a717a7_5&download=true

2000 Telecomunicazioni mobili e sanità . Revisione della ricerca scientifica attuale in ottica di tutela precauzionale della salute. 2000, commissionato da T‐Mobil e DeTeMobil Deutsche Telekom MobilNet GmbH. https://ehtrust.org/wp-content/uploads/ecolog2000.pdf

Radiazione di radiofrequenza del telefono cellulare. Programma nazionale di tossicologia degli Stati Uniti (NTP). 2023. https://ntp.niehs.nih.gov/whatwestudiy/topics/cellphones

Campi elettromagnetici prodotti dall’uomo: oscillazione forzata ionica e disfunzione dei canali ionici voltaggio-dipendenti, stress ossidativo e danno al DNA (Recensione) . Panagopolous D et al. In J Oncol. 2021 novembre;59(5):92. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34617575/

Effetti dell’esposizione ai campi elettromagnetici: trent’anni di ricerca . Più sicuroEMR. https://www.saferemr.com/2018/02/effects-of-exposure-to-electromagnetic.html

 Immunità ridotta: ricerca sovietica e dell’Europa orientale sugli effetti biologici delle radiazioni a microonde. (1980) McCree D. Atti dell’IEEE. Vol 68, N).1, gennaio 1980. https://www.avaate.org/IMG/pdf/mcree80_rev_soviet.pdf

Grigoriev YG et al. (2010) Studi di conferma della ricerca sovietica sugli effetti immunologici delle microonde: risultati dell’immunologia russa . Bioelettromagnetismo. 20 settembre 2010. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/bem.20605

Dronov S, Kiritseva A. 1971. Cambiamenti immunobiologici negli animali immunizzati dopo esposizione cronica a onde radio ad altissima frequenza. Gigiena i Sanitaria 7:51-3. (In russo)

Fonte: MDSAFETECH

Seguici sui nostri social

Telegram Sfero Odysee truthsocial
Effetti del 5G sulla salute: dopo questa serie di studi il quadro è completo. La più esauriente bibliografia sul tema.
Tag: