ISDE
Se ti piace l'articolo, condividilo

Lettera aperta ISDE ai Sindaci italiani sui campi elettromagnetici

ISDE Italia ha inviato una lettera aperta ai Sindaci italiani in relazione all’innalzamento dei limiti di esposizione della popolazione a campi elettromagnetici ad alta frequenza (CEMRF) da 6 V/m a 15 V/m.

“Come potrà approfondire leggendo l’allegato (All.1), che contiene una revisione dei principali studi epidemiologici e sperimentali disponibili, le radiazioni a radiofrequenza (RF) non sono innocue e, in ogni caso, così come per l’introduzione di nuove sostanze chimiche, l’onere della prova di innocuità spetterebbe al proponente e non a noi medici, epidemiologi e ricercatori.

L’esperienza storica dei rischi ambientali ha visto costantemente, purtroppo, una regolamentazione tardiva rispetto alle evidenze di danno. Infatti, per forza di cose, inizialmente le prove sono incerte e poi si vanno via via consolidando quando i danni sono del tutto evidenti.

Avremmo per questo dovuto imparare ad applicare il Principio di precauzione, con azioni cautelative in presenza di dubbi e incertezze sull’innocuità di una tecnologia e di conseguenza non esporre i cittadini a rischi in attesa di acquisire ulteriori dati. È difficile, nella storia dell’epidemiologia ambientale, trovare casi in cui non si sia verificato questo ritardo tra il momento delle evidenze scientifiche di un pericolo e la conseguente normativa cautelativa.“

Fonte: isde

Seguici sui nostri social

Telegram Sfero Odysee truthsocial
ISDE
Tag: