Dr. John Coleman, ex Capo dell’FBI, mette a nudo l’intento degli illuminati e del comitato dei 300.“In Esclusiva Tutti i Nominativi”
Se ti piace l'articolo, condividilo

L’ex capo dell’FBI conferma l’esistenza degli Illuminati e del Comitato dei 300. Dopo 28 anni di ricerche, afferma che essi sono l’essenza stessa di tutti i problemi dell’America e del mondo. Si sentono in diritto di governare l’umanità.

L’ideologia del Comitato dei 300 afferma che il potere è giusto. Sostiene che gli esseri di provata intelligenza superiore hanno il diritto di governare quelli meno dotati perché le masse non sanno cosa sia meglio per loro.

PEDINE NEL GIOCO: del Comandante della Marina William Guy Carr 1954. Avvertì la gente dell’esistenza di una cospirazione internazionale. Predisse che i cospiratori, se non fossero stati controllati, avrebbero trascinato il mondo in un’altra guerra globale, come stanno facendo ora. Di seguito è riportata una parte della sua ricerca scritta.

Nel 1784 “un atto di Dio” mise il governo bavarese in possesso di prove che dimostravano l’esistenza di una cospirazione luciferiana continua. Adam Weishaupt, un professore di diritto canonico di formazione gesuita, disertò dal cristianesimo e abbracciò l’ideologia luciferiana mentre insegnava all‘Università di Ingoldstadt.

Nel 1770 i prestatori di denaro (che avevano da poco organizzato la Casa Rothschild) lo incaricarono di rivedere e modernizzare i secolari “protocolli” destinati a dare alla Sinagoga di Satana il definitivo dominio del mondo, in modo da poter imporre l’ideologia luciferiana su ciò che resta della razza umana, dopo il cataclisma sociale finale, per mezzo del dispotismo satanico. Weishaupt portò a termine il suo compito il 1° maggio 1776.

Il piano prevedeva la distruzione di TUTTI i governi e le religioni esistenti. Questo obiettivo doveva essere raggiunto dividendo le masse, che egli definì Goyim (che significa bestiame umano) in campi contrapposti in numero sempre maggiore su questioni politiche, razziali, sociali, economiche e di altro tipo. Gli schieramenti opposti dovevano essere armati e si doveva creare un “incidente” che li avrebbe portati a combattere e a indebolirsi mentre distruggevano i governi nazionali e le istituzioni religiose.

Nel 1776 Weishaupt organizzò gli Illuminati per mettere in atto il complotto. Il termine Illuminati deriva da Lucifero e significa “detentori della luce”. Con la menzogna che il suo obiettivo era quello di creare un governo unico mondiale per consentire a uomini di provata abilità mentale di governare il mondo, reclutò circa duemila seguaci.

Tra questi c’erano gli uomini più intelligenti nel campo delle arti e delle lettere:

Istruzione, scienze, finanza e industria. In seguito istituì delle Logge del Grande Oriente come quartier generale segreto.

Il piano rivisto di Weishaupt prevedeva che i suoi Illuminati facessero le seguenti cose per aiutarli a raggiungere il loro scopo: utilizzare la corruzione monetaria e sessuale per ottenere il controllo di persone che già occupavano posizioni di rilievo nei vari livelli di TUTTI i governi e in altri campi dell’attività umana.

Una volta che una persona influente era caduta nelle menzogne, negli inganni e nelle tentazioni degli Illuminati, doveva essere tenuta in schiavitù con l’applicazione di ricatti politici e di altro tipo e con la minaccia di rovina finanziaria, di esposizione pubblica, di danni fisici e persino di morte per sé e per i propri cari.

Con questi metodi hanno infiltrato tutti i partiti della nostra società, compresi l’FBI, la CIA, il Dipartimento di Giustizia e l’esercito, come ha testimoniato l’agente speciale dell’FBI Ted Gunderson. Controllano anche l’amministrazione Biden e la Casa Bianca.

L’intento e lo scopo del Comitato dei 300 è di far passare le seguenti condizioni:

Un governo unico mondiale e un sistema monetario unitario sotto la guida di oligarchi ereditari permanenti non eletti che si autoselezionano tra i loro membri, sotto forma di sistema feudale come nel Medioevo. In questa entità mondialista, la popolazione sarà limitata da restrizioni sul numero di figli per famiglia, malattie, guerre, carestie, fino a quando un miliardo di persone utili alla classe dirigente, in aree che saranno rigorosamente e chiaramente definite, rimarrà come popolazione mondiale totale.

Non ci sarà una classe media, ma solo governanti e servitori. Tutte le leggi saranno uniformi sotto un sistema legale di tribunali mondiali che praticheranno lo stesso codice unificato di leggi, sostenuto da una forza di polizia del Governo Unico Mondiale e da un esercito unico mondiale per far rispettare le leggi in tutti gli ex Paesi dove non esisteranno confini nazionali.

Il sistema sarà basato su uno stato sociale; coloro che saranno obbedienti e sottomessi al Governo Unico Mondiale saranno ricompensati con i mezzi per vivere; coloro che si ribelleranno saranno semplicemente fatti morire di fame o saranno dichiarati fuorilegge, quindi un bersaglio per chiunque voglia ucciderli. Saranno proibite le armi da fuoco o di qualsiasi tipo possedute privatamente.

Comitato dei 300 in Italiano del Dr. John Coleman (PDF)

Sarà ammessa una sola religione, sotto forma di Chiesa del Governo Unico Mondiale, che esiste dal 1920, come vedremo. Satanismo, luciferianesimo e stregoneria saranno riconosciuti come programmi di studio legittimi del Governo Unico Mondiale, senza scuole private o ecclesiastiche. Tutte le chiese cristiane sono già state sovvertite e il cristianesimo sarà un ricordo del passato nel Governo Unico Mondiale.

Per indurre uno stato in cui non sopravvive alcuna libertà individuale o alcun concetto di libertà, non esisteranno repubblicanesimo, sovranità o diritti del popolo. L’orgoglio nazionale e l’identità razziale saranno eliminati e nella fase di transizione sarà soggetto a pene severissime anche solo menzionare la propria origine razziale.

Ogni persona sarà pienamente indottrinata sul fatto di essere una creatura del Governo Unico Mondiale, con un numero di identificazione chiaramente marcato sulla sua persona in modo da essere facilmente accessibile, che sarà inserito nell’archivio principale del computer della NATO a Bruxelles, in Belgio, soggetto a recupero istantaneo da parte di qualsiasi agenzia del Governo Unico Mondiale in qualsiasi momento. I file anagrafici della CIA, dell’FBI, delle agenzie di polizia statali e locali, dell’IRS, della FEMA, della Sicurezza Sociale saranno ampiamente ampliati e costituiranno la base dei registri personali di tutti gli individui negli Stati Uniti.

Il matrimonio sarà bandito e non esisterà più la vita familiare come la conosciamo. I bambini saranno tolti ai genitori in tenera età e allevati da assistenti come proprietà dello Stato. Un esperimento simile è stato condotto nella Germania dell’Est sotto Erich Honnecker, quando i bambini sono stati sottratti ai genitori considerati dallo Stato cittadini sleali. Le donne saranno degradate attraverso il continuo processo di “liberazione della donna”. Il sesso libero sarà obbligatorio.

Il mancato adempimento almeno una volta entro i 20 anni sarà punito con gravi rappresaglie contro la sua persona. L’autoaborto sarà insegnato e praticato dopo la nascita di due figli da una donna; tali registrazioni saranno contenute nel file personale di ogni donna nei computer regionali del Governo Unico Mondiale. Se una donna rimane incinta dopo aver dato alla luce due figli, deve essere portata con la forza in una clinica per abortire e sterilizzare.

La pornografia deve essere promossa e mostrata obbligatoriamente in ogni cinema, compresa la pornografia omosessuale e lesbica. L’uso di droghe “ricreative” sarà obbligatorio, con l’assegnazione a ogni persona di quote di droga che potranno essere acquistate nei negozi del Governo Unico in tutto il mondo. Le droghe per il controllo della mente saranno ampliate e l’uso diventerà obbligatorio.

Tali droghe per il controllo della mente saranno somministrate nei rifornimenti di cibo e/o di acqua senza che la popolazione ne sia a conoscenza e/o abbia dato il proprio consenso. Verranno creati dei bar di droga, gestiti da dipendenti del Governo Unico Mondiale, dove la classe degli schiavi potrà trascorrere il proprio tempo libero. In questo modo le masse non elitarie saranno ridotte al livello e al comportamento di animali controllati, privi di volontà propria e facilmente irregimentabili e controllabili.

Il sistema economico si baserà sulla classe oligarchica al potere, che permetterà di produrre cibo e servizi sufficienti a mantenere in funzione i campi di lavoro degli schiavi di massa. Tutta la ricchezza sarà aggregata nelle mani dei membri d’élite del Comitato dei 300. Ogni individuo sarà indottrinato a capire che è totalmente schiavo. Ogni individuo sarà indottrinato a capire che è totalmente dipendente dallo Stato per la sua sopravvivenza. Il mondo sarà governato da decreti esecutivi del Comitato dei 300 che diventeranno legge istantanea. Esisteranno tribunali di punizione e non tribunali di giustizia.

L’industria deve essere totalmente distrutta insieme ai sistemi energetici a energia nucleare. Solo i membri del Comitato dei 300 e la loro élite avranno diritto a qualsiasi risorsa della Terra. L’agricoltura sarà esclusivamente nelle mani del Comitato dei 300 e la produzione alimentare sarà strettamente controllata. Quando queste misure inizieranno ad avere effetto, le grandi popolazioni delle città saranno trasferite con la forza in aree remote e coloro che si rifiuteranno di andarsene saranno sterminati come nell’esperimento del Governo Unico Mondiale portato avanti da Pol Pot in Cambogia.

L’eutanasia per i malati terminali e gli anziani sarà obbligatoria. Nessuna città sarà più grande di un numero predeterminato, come descritto nell’opera di Kalgeri. I lavoratori essenziali saranno trasferiti in altre città se quella in cui si trovano diventa sovrappopolata. Altri lavoratori non essenziali saranno scelti a caso e inviati in città sottopopolate per riempire le “quote”.

Almeno 4 miliardi di “mangiatori inutili” saranno eliminati entro l’anno 2050 per mezzo di guerre limitate, epidemie organizzate di malattie fatali ad azione rapida e fame. L’energia, il cibo e l’acqua saranno mantenuti a livelli di sussistenza per le persone non elitarie, a partire dalle popolazioni bianche dell’Europa occidentale e del Nord America, per poi estendersi alle altre razze.

La popolazione del Canada, dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti sarà decimata più rapidamente rispetto agli altri continenti, fino a raggiungere il livello gestibile di 1 miliardo di abitanti, di cui 500 milioni saranno costituiti da cinesi e giapponesi, selezionati perché sono persone che sono state irreggimentate per secoli e che sono abituate a obbedire all’autorità senza discutere.

Di tanto in tanto ci saranno carenze di cibo e di acqua e cure mediche artificialmente create per ricordare alle masse che la loro stessa esistenza dipende dalla buona volontà del Comitato dei 300.

Dopo la distruzione delle abitazioni, delle industrie automobilistiche, siderurgiche e dei beni pesanti, le abitazioni saranno limitate e le industrie di qualsiasi tipo che rimarranno saranno sotto la direzione del Club di Roma della NATO, così come tutto lo sviluppo scientifico e dell’esplorazione spaziale, limitato all’élite sotto il controllo del Comitato dei 300. Le armi spaziali di tutte le ex nazioni saranno utilizzate come armamento. Le armi spaziali di tutte le nazioni precedenti saranno distrutte insieme alle armi nucleari.

Tutti i prodotti farmaceutici essenziali e non essenziali, i medici, i dentisti e gli operatori sanitari saranno registrati nella banca dati informatica centrale e nessun farmaco o cura medica sarà prescritta senza l’esplicito permesso dei controllori regionali responsabili di ogni città, paese e villaggio.

Gli Stati Uniti saranno invasi da popoli di culture aliene che finiranno per sopraffare l’America, persone che non hanno alcuna idea di ciò che rappresenta la Costituzione degli Stati Uniti e che, di conseguenza, non faranno nulla per difenderla, e nelle cui menti il concetto di libertà e giustizia è così debole da avere poca importanza. Cibo e riparo saranno la preoccupazione principale.

Nessuna banca centrale, ad eccezione della Banca dei Regolamenti Internazionali e della Banca Mondiale, potrà operare. Le banche private saranno bandite. La retribuzione per il lavoro svolto dovrà essere uniforme e predeterminata in tutto il Governo Unico Mondiale. Non saranno ammesse dispute salariali, né alcuna deviazione dalle tabelle di retribuzione standard uniformi stabilite dal Governo Unico Mondiale. Coloro che violano la legge saranno immediatamente giustiziati.

Non ci saranno contanti o monete nelle mani di chi non è un’élite. Tutte le transazioni dovranno essere effettuate tramite moneta digitale che riporterà il numero di identificazione del titolare. Chiunque violi in qualche modo le norme e i regolamenti del Comitato dei 300 sarà sospeso dall’uso della sua moneta digitale per un periodo di tempo variabile a seconda della natura e della gravità dell’infrazione.

Tali persone scopriranno, quando andranno a fare acquisti, che la loro moneta digitale è inserita nella lista nera e non potranno ottenere servizi di alcun tipo. Il tentativo di commerciare monete “vecchie”, cioè monete d’argento di nazioni precedenti e ormai defunte, sarà trattato come un crimine capitale soggetto alla pena di morte. Tutte queste monete dovranno essere consegnate entro un determinato periodo di tempo insieme a pistole, fucili, esplosivi e automobili.

Solo l’élite e gli alti funzionari del Governo Unico Mondiale potranno usufruire di trasporti privati, armi, monete e automobili.

Se l’infrazione è grave, la valuta digitale verrà bloccata nel punto di controllo in cui viene presentata. In seguito, la persona in questione non potrà ottenere cibo, acqua, riparo e servizi medici per l’impiego e sarà ufficialmente classificata come fuorilegge. Si creeranno così grandi bande di fuorilegge che vivranno nelle regioni che meglio permettono la sussistenza, soggetti a essere cacciati e fucilati a vista.

Le persone che aiutano i fuorilegge in qualsiasi modo saranno ugualmente fucilate. I fuorilegge che non si arrendono alla polizia o all’esercito dopo un periodo di tempo dichiarato, saranno incaricati di scontare la pena detentiva al loro posto da un ex membro della famiglia scelto a caso.

Le fazioni e i gruppi rivali, come gli arabi, gli ebrei e le tribù africane, vedranno amplificate le differenze e potranno condurre guerre di sterminio l’uno contro l’altro sotto gli occhi degli osservatori della NATO e delle Nazioni Unite. Le stesse tattiche saranno usate in America centrale e meridionale. Queste guerre di logoramento avranno luogo prima dell’insediamento del Governo Unico Mondiale e saranno organizzate in tutti i continenti in cui vivono grandi gruppi di persone con differenze etniche e religiose, come i sikh, i pakistani musulmani e gli indiani indù. Le differenze etniche e religiose saranno amplificate ed esacerbate e saranno incoraggiati e promossi i conflitti violenti come mezzo per “appianare” le loro differenze.

Tutti i servizi di informazione e la stampa saranno sotto il controllo del Governo Unico Mondiale. Le regolari misure di controllo del lavaggio del cervello saranno spacciate per “intrattenimento”, nel modo in cui è stato praticato ed è diventato un’arte raffinata negli Stati Uniti. I giovani allontanati da “genitori sleali” riceveranno un’educazione speciale volta a brutalizzarli. I giovani di entrambi i sessi riceveranno un addestramento per qualificarsi come guardie carcerarie per il sistema dei campi di lavoro dell’Unico Mondo.

Chi è John Coleman

John Coleman è stato un ufficiale dei servizi segreti per oltre 45 anni e il suo libro di verità si basa su 20 anni di ricerche incessanti. Possiamo già vedere molte di queste cose accadere oggi. Il Comitato dei 300 ha già penetrato e sovvertito tutti i governi attraverso il Forum Economico Mondiale e le Nazioni Unite per distruggere l’integrità sovrana delle nazioni da loro rappresentate.

Il Comitato dei 300 ha già preso il controllo del sistema educativo in America con l’intento e lo scopo di distruggerlo completamente. Ora hanno preso di mira i nostri bambini innocenti attraverso l’omosessualità, il transgenderismo e la pedofilia. Gestiscono e controllano i sistemi pedofili del mondo.

Il Comitato dei 300 deve giungere rapidamente alla sua fine. Hanno il controllo dell’America in questo momento e sono quelli che hanno orchestrato le elezioni fraudolente del 2020 e hanno messo il corrotto Biden alla Casa Bianca. Non permetteranno a Trump o a Kennedy di diventare Presidente degli Stati Uniti. Dobbiamo fare ciò che deve essere fatto. Dobbiamo porre fine al Comitato dei 300 una volta per tutte, per il bene dei nostri bambini innocenti e per il bene di tutta l’umanità.

Questi sono i loro nomi. Queste sono le persone che vogliono eliminarvi e controllarvi. Queste sono le persone che hanno governato il nostro mondo per oltre 247 anni attraverso la morte e il caos inflitti a miliardi di persone innocenti. Sono le stesse persone che creano guerre mondiali per ottenere profitti e morti. Queste sono le persone che stanno dietro a virus e malattie ingegnerizzate che sono state diffuse nel mondo uccidendo milioni di persone. Queste sono le persone che devono essere allontanate dal nostro mondo.

La maggior parte dei presidenti e dei primi ministri del mondo sono controllati e sono stati insediati dal Comitato dei 300, compresi Biden, Obama, Clinton e Bush.

Ci sono migliaia di persone come Klaus Schwab, leader del Forum Economico Mondiale, che lavorano per il Comitato dei 300 per realizzare la loro volontà e il loro scopo, ma non sono membri diretti del Comitato dei 300. Anche loro devono essere rimossi dalla nostra società. Anche loro devono essere allontanati dalla nostra società. Il Comitato dei 300 controlla anche tutte le agenzie di intelligence come l’MI6 e la CIA, che sono i loro strumenti più potenti per realizzare i loro obiettivi in tutto il mondo.

Per ristabilire l’America e l’umanità dobbiamo eliminare il Comitato dei 300. Questo è il capo del serpente. È la testa del serpente che deve essere tagliata. Ci vorrà uno sforzo globale di coraggio e di azione. Ma deve essere fatto o perderemo l’America e il resto del mondo in un futuro di tirannia globale.

Hanno già ucciso milioni di persone innocenti e intendono ucciderne altri miliardi. Stanno cercando i nostri bambini, li stanno sessualizzando e vogliono legalizzare la pedofilia.

Non si fermeranno a meno che non li fermiamo fisicamente con la forza. Questa è la realtà del destino dell’umanità. I criminali e gli assassini di massa non cedono il loro potere. Deve essere tolto loro per il bene di tutta l’umanità. Pensano di essere loro stessi degli dei, degli olimpi che hanno il diritto di decidere chi vive e chi muore. Si sbagliano di grosso e il loro dominio deve finire rapidamente.

Conosci il tuo nemico – Elenco del misterioso “Comitato dei 300”.

Svelata la sinistra rete. L’elenco completo dei membri del “Comitato dei 300”:

Abdullah II re di Giordania – Importante fantoccio imperiale in Medio Oriente, di educazione britannica, moglie americana

Roman Abramovich – Oligarca russo, 12 miliardi di dollari di patrimonio netto, importanti legami con la Gran Bretagna

Josef Ackermann – Banchiere svizzero e amministratore delegato di Deutsche Bank

Edward Adeane – fiduciario britannico, laureato a Eton, segretario privato del Principe di Galles

Marcus Agius – finanziere britannico-maltese, presidente del gruppo Barclay’s Bank, membro del consiglio di amministrazione della BBC, sposato con la figlia di Edmund de Rothschild

Martti Ahtisaari – ex presidente della Finlandia, premio Nobel per la pace 2008, coinvolto nell’azione delle Nazioni Unite in Kosovo,

Daniel Akerson – CEO di General Motors, in precedenza CEO di MCI, General Instrument, Nextel, entrato a far parte del gruppo Carlyle nel 2003

Alberto II Re del Belgio – Re del Belgio, stessa dinastia dei Windsor (Saxe-Coburg-Gotha)

Alessandro Principe ereditario di Jugoslavia – erede del Re di Jugoslavia

Giuliano Amato – ex-PM dell’Italia, V.P. della convenzione che ha redatto la Costituzione dell’UE

Carl A. Anderson – 13° “Cavaliere Supremo dei Cavalieri di Colombo”, siede nel consiglio della Banca Vaticana

Giulio Andreotti – ex Presidente del Consiglio italiano, accusato in tribunale di legami con la mafia e omicidio

Andrea Duca di York – 2° figlio di Elisabetta II, 4° in linea di successione al trono di 16 Paesi, legato al pedofilo Jeffrey Epstein

Anna Principessa Reale – figlia di Elisabetta II

Nick Anstee – 682° “Lord Mayor of the City of London” collegato allo scandalo contabile Arthur Andersen, direttore dello studio legale internazionale SJ Berwin

Timothy Garton Ash – storico britannico, professore a Oxford, CFR europeo, vincitore del “Premio George Orwell”.

William Waldorf Astor – 4° Visconte Astor, erede della dinastia Astor, laureato a Eton, membro della Camera dei Lord.

Pyotr Aven – Oligarca russo con stretti legami con il Regno Unito

Jan Peter Balkenende – ex-PM dei Paesi Bassi, fantoccio della regina Beatrice, capo dei Bilderberg e cugino di Elisabetta II.

Steve Ballmer – CEO di Microsoft, patrimonio netto di 15,7 miliardi di dollari, 5° posto nella classifica del Jerusalem Post “Gli ebrei più ricchi del mondo”.

Ed Balls – Politico britannico, società Fabiana

Jose Manuel Barroso – Presidente della Commissione europea, ex-PM del Portogallo, ex-maoista

Beatrix Regina dei Paesi Bassi – Regina dei Paesi Bassi, capo del Gruppo Bilderberg, Club di Roma

Marek Belka – ex-PM della Polonia, ex-FMI, ex-capo della Banca Nazionale di Polonia,

Fred Bergsten – economista, autore e consulente politico statunitense, membro di think tank globalisti, ex Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Silvio Berlusconi – ex Presidente del Consiglio italiano, patrimonio netto di 5,9 miliardi di dollari, accusato dai tribunali di collusione mafiosa, falso in bilancio, frode, corruzione e concussione.

Ben Bernanke – Presidente della Federal Reserve statunitense

Nils Bernstein – Banca nazionale danese

Donald Berwick – responsabile di Medicare e Medicaid negli Stati Uniti, collegato all’Obamacare, professore alla Harvard Medical School, diversi titoli britannici.

Carl Bildt – ex-PM della Svezia, coinvolto nei Balcani, istigatore globalista, Club di Madrid

Sir Winfried Bischoff – presidente del Lloyds Banking Group, ex-CEO di Citigroup

Tony Blair – ex premier britannico, collegato all’invasione illegale di Iraq e Afghanistan, accusato di crimini di guerra

Lloyd Blankfein – CEO di Goldman-Sachs, legato a Rockefeller

Leonard Blavatnik – oligarca russo residente a Londra, con un patrimonio netto di 10,1 miliardi di dollari, proprietario di Access Industries, collegato a Harvard e all’Università di Tel Aviv.

Michael Bloomberg – Sindaco di New York City, patrimonio netto 22 miliardi di dollari, proprietario di Bloomberg Media

Frits Bolkestein – Politico olandese coinvolto in direttive UE e iniziative di globalismo

Hassanal Bolkiah – Sultano del Brunei, patrimonio netto di 20 miliardi di dollari, studi superiori britannici, legato alla Royal Dutch Shell, ammiraglio onorario della Royal Navy del Regno Unito.

Michael C Bonello – Governatore della Banca centrale di Malta

Emma Bonino – Ministro dell’UE, ex parlamentare UE

David L. Boren – consigliere presidenziale degli Stati Uniti, ex governatore dell’Oklahoma, ex senatore degli Stati Uniti, ex presidente della commissione per l’intelligence al Senato

Borwin Duca di Meclemburgo – Duca di Meclemburgo

Zbigniew Brzezinski – capo della Commissione Trilaterale, ex consigliere presidenziale degli Stati Uniti, coinvolto nei think tank e nella propaganda globalista, collegato al 911, collegato a bin Laden, collegato alla guerra illegale in Afghanistan, ex-Harvard, membro del CFR, ex capo di Amnesty International

Robin Budenberg – capo dell’ente governativo britannico che ha supervisionato i salvataggi

Warren Buffett – Proprietario della Berkshire Hathaway, patrimonio netto di 44 miliardi di dollari, trae profitto dall’impoverimento degli americani, collegato al disastro del Golfo del Messico in quanto proprietario della Nalco che ha prodotto il Corexit, una tossina ancora scaricata nel Golfo, collegato all’11 settembre.

George HW Bush – ex presidente degli Stati Uniti, ex vicepresidente degli Stati Uniti, padre collegato ai nazisti, alle banche internazionali, alle grandi compagnie petrolifere e al traffico di droga, ex CIA, collegato agli omicidi di JFK e RFK, collegato all’11 settembre e a entrambe le guerre in Iraq, capo di una famiglia criminale terroristica internazionale, noto massone con il cranio e le ossa e di 33° grado.

David Cameron – Primo Ministro del Regno Unito, laureato a Eton e Oxford, burattino di Elisabetta II, collegato ai Rothschild.

Camilla Duchessa di Cornovaglia – seconda moglie del Principe di Galles

Fernando Henrique Cardoso – ex presidente del Brasile

Peter Carington – politico britannico e barone della Camera dei Lord

Carl XVI Gustavo re di Svezia – Re di Svezia, cugino stretto di Elisabetta II

Carlos Duca di Parma – Reale olandese con molti titoli e a capo di diversi ordini, Cavaliere di Malta

Mark Carney – governatore della Banca del Canada, 13 anni in Goldman Sachs

Cynthia Carroll – Amministratore delegato di Anglo American per l’estrazione del platino

Jaime Caruana – GM della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), ex governatore della Banca di Spagna

Sir William Castell – Presidente di Wellcome Trust, direttore di General Electric e BP

Anson Chan – politico cinese coinvolto nel dominio britannico di Hong Kong

Margaret Chan – Direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ex governo di Hong Kong

Norman Chan – Capo esecutivo dell’Autorità monetaria di Hong Kong

Carlo Principe di Galles – erede al trono del Commonwealth britannico, promuove lo “sviluppo sostenibile” e la manipolazione monetaria dei Paesi del Terzo Mondo, in particolare l’estrazione di risorse e il controllo della popolazione presso le Nazioni Unite e centinaia di ONG, massone, collegato all’omicidio della prima moglie, la Principessa Diana.

Richard Chartres – Vescovo anglicano di Londra

Stefano Delle Chiaie – attivista “neofascista” italiano, massone, accusato da un tribunale di terrorismo, collegato all’Operazione Condor

John Chipman – Direttore generale del think tank britannico globalista Istituto Internazionale per gli Studi Strategici

Patokh Chodiev – oligarca uzbeko residente a Londra, con un patrimonio netto di 3,3 miliardi di dollari, coinvolto in attività minerarie, petrolifere e bancarie.

Christoph Principe di Schleswig-Holstein – Principe di Schleswig-Holstein

Fabrizio Cicchitto – Politico italiano, marxista, ha ammesso di far parte della loggia massonica P2, coinvolto nell’ingresso dell’Italia nell’Unione Europea.

Wesley Clark – Generale statunitense, ex comandante supremo delle forze alleate in Europa nella NATO, studioso di Rodi, coinvolto nei Balcani, collegato a Waco, si è candidato alla presidenza degli Stati Uniti.

Kenneth Clarke – politico e burocrate britannico

Nick Clegg – Vice Primo Ministro del Regno Unito

Bill Clinton – ex presidente degli Stati Uniti, ex governatore dell’Arkansas, studioso di Rodi, coinvolto nei Balcani, coinvolto nel rifugio di Bin Laden, collegato alla famiglia Bush, collegato al traffico internazionale di droga, collegato ai Rockefeller e ai Rothschild, massone, collegato ai trasferimenti di tecnologia alla Cina

Abby Joseph Cohen – economista statunitense, Goldman Sachs, ex-Federal Reserve, presidente del Jewish Theological Seminary of America, fiduciario della Cornell University.

Ronald Cohen – venture capitalist ebreo britannico di origine egiziana, formatosi a Oxford

Gary Cohn – Presidente e COO di Goldman Sachs

Marcantonio Colonna di Paliano Duca di Paliano – Duca di Paliano

Constantijn Principe dei Paesi Bassi – terzo figlio della Regina Beatrice dei Paesi Bassi

Costantino II Re di Grecia – ultimo Re di Grecia

David Cooksey – venture capitalist britannico, ex-direttore della Banca d’Inghilterra, presidente di Bechtel, nominato cavaliere da Elisabetta II

Brian Cowen – ex-PM dell’Irlanda, ha contribuito alla capitolazione dell’Irlanda al FMI e all’UE.

Sir John Craven – Direttore di Reuters, ex direttore di Deutsche Bank, ex presidente di Deutsche Morgan Grenfell

Andrew Crockett – banchiere britannico, ex direttore generale della Banca dei regolamenti internazionali, ex Banca d’Inghilterra, impiegato presso JP Morgan Chase, membro del Gruppo dei 30, nominato cavaliere da Elisabetta II.

Uri Dadush – Senior Associate del Carnegie Endowment for International Peace, ex Banca Mondiale, ha studiato alla Hebrew University e ad Harvard.

Tony D’Aloisio – Presidente della Australian Securities and Investments Commission, ex direttore della World Federation of Stock Exchanges, ha promosso iniziative globaliste.

Alistair Darling – Politico e parlamentare scozzese

Sir Howard Davies – economista britannico, direttore della London School of Economics and Political Science, ha promosso iniziative e propaganda globalista.

Etienne Davignon – politico belga, ex vicepresidente della Commissione europea, presidente del Bilderberg, presidente della Brussels Airlines

David Davis – deputato britannico

Benjamin de Rothschild – banchiere svizzero, discendente del ramo francese della dinastia Rothschild

David Rene de Rothschild – presidente di Rothschild Continuations Holdings, ramo francese della dinastia Rothschild

Evelyn de Rothschild – finanziere britannico, socio di N M Rothschilds and Sons, ex-direttore di De Beers, ex-direttore di IBM UK, ex-direttore del Daily Telegraph, nominato cavaliere da Elisabetta II

Leopold de Rothschild – finanziere britannico, ex dipendente di Kuhn, Loeb e Co., Morgan Stanley, socio di N M Rothschilds and Sons

Joseph Deiss – economista e politico svizzero, ex presidente dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, globalista

Oleg Deripaska – oligarca russo, patrimonio netto di 16,8 miliardi di dollari, amministratore delegato di Basic Element, amministratore delegato di United Company RUSAL aluminium, legato ai Rothschild

Michael Dobson – uomo d’affari britannico, CEO di Schroders international asset management, collegato ai Rockefeller

Mario Draghi – Presidente della Banca Centrale Europea, ex governatore della Banca d’Italia, ex professore di Harvard

Jan Du Plessis – Uomo d’affari sudafricano, amministratore delegato di British American Tobacco, direttore del gruppo Lloyds TSB, presidente del settore minerario di Rio Tinto.

William C. Dudley – Presidente della Federal Reserve Bank di New York, ex Goldman Sachs

Wim Duisenberg – Politico olandese, ex presidente della Banca centrale europea, ex presidente della Banca centrale dei Paesi Bassi, ex FMI, DECEDUTO

Edward Duke of Kent – Duca di Kent, primo cugino di Elisabetta II, Gran Maestro dei Massoni d’Inghilterra e Galles, Presidente dell’Associazione Scout.

Edoardo Conte di Wessex – Terzo figlio di Elisabetta II

Elisabetta II Regina del Regno Unito – Monarca del Commonwealth britannico, governatore supremo della Chiesa d’Inghilterra, capo della Massoneria internazionale, capo dell’Ordine della Giarrettiera, capo del Comitato dei 300, possiede 1/6 della terraferma mondiale, collegato alla maggior parte dei crimini e delle frodi del mondo.

John Elkann – Industriale italiano, proprietario di Fiat, proprietario di Chrysler, amministratore delegato di Exor, membro del Brookings Institutioz

Vittorio Emanuele Principe di Napoli – Principe di Napoli, Duca di Savoia, membro della loggia massonica P2, accusato da un tribunale di omicidio.

Ernst August Principe di Hannover – Principe di Hannover e coniugato con l’erede al trono di Monaco

Martin Feldstein – economista americano, professore ad Harvard, ex consigliere di Reagan

Matthew Festing – Gran Maestro britannico del Sovrano Militare Ordine di Malta, ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico

François Fillon – Primo ministro francese

Heinz Fischer – Presidente dell’Austria

Joschka Fischer – politico tedesco, ex ministro degli Esteri e vice-cancelliere della Germania

Stanley Fischer – economista americano-israeliano, governatore della Banca d’Israele, ex capo economista della Banca Mondiale, Bilderberg

Niall FitzGerald – Uomo d’affari irlandese, ex-CEO di Unilever, membro del World Economic Forum, legato a Merck, Bank of Ireland e Prudential.

Francesco Duca di Baviera – Duca di Baviera, co-erede del Casato di Tuart

Mikhail Fridman – Oligarca russo ebreo, patrimonio netto di 15,1 miliardi di dollari, membro del CFR russo, fondatore del Congresso ebraico russo.

Friso Principe di Orange-Nassau – Principe di Orange-Nassau, secondo figlio della Regina Beatrice d’Olanda.

Bill Gates – ex-CEO di Microsoft, patrimonio netto di 61 miliardi di dollari, ha permesso una sorveglianza illimitata di MS Windows, collegato agli sforzi di spopolamento globalista attraverso i vaccini

Christopher Geidt – Segretario privato di Elisabetta II, ha studiato a Oxford.

Timothy Geithner – Segretario al Tesoro degli Stati Uniti, ex presidente della Federal Reserve di New York, collegato al furto del TARP.

Georg Friedrich Principe di Prussia – Principe di Prussia

Dr. Chris Gibson-Smith – Presidente della Borsa di Londra

Mikhail Gorbaciov – Ex premier dell’Unione Sovietica, Club di Madrid, Iniziative Globaliste (Deceduto)

Al Gore – ex vicepresidente degli Stati Uniti, ex senatore degli Stati Uniti, ha studiato ad Harvard, il padre era un senatore legato ad Armand Hammer – un comunista sovietico, premio Nobel per la pace per aver promosso la truffa del riscaldamento globale.

Allan Gotlieb – burocrate canadese, membro della Commissione Trilaterale, membro del Gruppo Carlyle, presidente di Sotheby’s Canada, globalista che spinge l’Unione Nord Americana

Stephen Green – barone britannico, ministro di Stato per il Commercio e gli Investimenti, ex presidente della HSBC, ha studiato a Oxford e al MIT.

Alan Greenspan – ex presidente della Federal Reserve statunitense, Cavaliere Comandante dell’Impero Britannico

Gerald Grosvenor 6° Duca di Westminster – Duca di Westminster, patrimonio netto 7,35 miliardi di sterline, il più ricco promotore immobiliare del Regno Unito

Jose Angel Gurria – Segretario generale dell’ONG OCSE, ex amministratore delegato della Banca nazionale di sviluppo del Messico, ex amministratore delegato della Banca per il commercio estero.

William Hague – Segretario agli Esteri del Regno Unito, ha studiato a Oxford

Sir Philip Hampton – Presidente di Royal Bank of Scotland, ex direttore finanziario di Lloyds, BT Group, BG Group e British Steel

Hans-Adam II Principe del Liechtenstein – Principe del Lichtenstein, proprietario del gruppo bancario LGT, patrimonio netto 7,6 miliardi di dollari.

Harald V Re di Norvegia – Re di Norvegia

Stephen Harper – Primo Ministro del Canada, sionista, sostenitore del globalismo e dell’Unione Nordamericana

François Heisbourg – Presidente dell’Istituto internazionale per gli studi strategici, un think tank globalista con sede a Londra

Henri Granduca di Lussemburgo – Duca di Lussemburgo, Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine Reale Vittoriano

Philipp Hildebrand – ex capo della Banca Nazionale Svizzera, studioso di Oxford

Carla Anderson Hills – co-presidente del Council on Foreign Relations, membro del comitato esecutivo della Commissione Trilaterale, ex segretario dell’HUD, spinge l’Unione Nordamericana,

Richard Holbrooke – burocrate americano, consigliere presidenziale, legato al Vietnam, DECEDUTO

Patrick Honohan – Governatore della Banca Centrale d’Irlanda

Alan Howard – gestore di hedge fund britannico che gestisce un patrimonio di 26 miliardi di dollari, ex-Salomon Brothers

Alijan Ibragimov – Oligarca kirghizo, estrazione mineraria, petrolio e gas in Kazakistan

Stefan Ingves – Governatore della banca centrale svedese

Walter Isaacson – amministratore delegato del think tank globalista Aspen Institute, direttore di Time Magazine, presidente del Broadcasting Board of Governors, legato a Katrina

Juan Carlos Re di Spagna – Re di Spagna, molti altri titoli

Kenneth M. Jacobs – Amministratore delegato di Lazard

DeAnne Julius – Presidente di Chatham House (RIIA), ex Banca Mondiale, ex CIA, membro fondatore del Comitato di politica monetaria della Banca d’Inghilterra

Jean-Claude Juncker – Primo ministro del Lussemburgo, ex presidente del Consiglio europeo

Peter Kenen – Membro senior di Economia internazionale presso il CFR, la Fondazione Ford e Globalis

John Kerry – Senatore degli Stati Uniti, candidato alla presidenza, Skull and Bones, ricchezza di famiglia derivante dal ketchup Heinz e dal commercio dell’oppio, massone, falso eroismo in Vietnam,

Mervyn King – Governatore della Banca d’Inghilterra, Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine dell’Impero Britannico

Glenys Kinnock – membro del Consiglio europeo per le relazioni estere, ex parlamentare europeo, Camera dei Lord.

Henry Kissinger – ex Segretario di Stato americano, Bilderberg, CFR, Bohemian Club, Premio Nobel per la pace, legato al Vietnam e alla Cambogia, coinvolto nell’omicidio di massa in Cile, legato ai Balcani, accusato dai tribunali di crimini di guerra e terrorismo. (Deceduto)

Malcolm Knight – Vicepresidente canadese della Deutsche Bank, ex direttore generale della Banca dei Regolamenti Internazionali, formazione londinese.

William H. Koon II – Cavalieri Templari, Rosacroce, nessun legame

Paul Krugman – Economista americano e propagandista globalista, ha studiato a Yale e alla London School of Economics, CFR

John Kufuor – ex presidente del Ghana, ex presidente dell’Unione Africana

Giovanni Lajolo – Presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano, Cardinale emerito Presidente della Pontificia Commissione per la Città del Vaticano

Anthony Lake – Direttore esecutivo del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF)

Richard Lambert – ex direttore generale della CBI, cancelliere dell’Università di Warwick UK, nominato cavaliere da Elisabetta II

Pascal Lamy – Direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio

Jean-Pierre Landau – ex FMI, ex Consiglio di amministrazione della Banca dei Regolamenti Internazionali, ex Banca di Francia

Timothy Laurence – marito dell’unica figlia di Elisabetta II

James Leigh-Pemberton – banchiere britannico, ricevitore generale del Ducato di Cornovaglia (Principe di Galles), educato a Eton, ex S.G. Warburg and Co. e amministratore delegato di Credit Suisse

Leka Principe ereditario d’Albania – Principe d’Albania, erede del Re d’Albania

Mark Leonard – globalista britannico, propagandista, cofondatore e direttore dell’European CFR.

Peter Levene – barone britannico, presidente di NBNK Investments, ex sindaco della City di Londra

Lev Leviev – Oligarca bukhariano-israeliano, patrimonio netto 12 miliardi di dollari, estrazione di diamanti in Angola e insediamenti palestinesi

Arthur Levitt – ex presidente della SEC, consulente del gruppo Carlyle Presidente del CSV Jewish Care, della Jewish Free School e del JLGB

Joe Lieberman – senatore americano-israeliano, collegato al 911, collegato al Patriot Act, collegato a molte leggi tiranniche.

Ian Livingston – CEO di BT (British Telecom)

Lee Hsien Loong – Primo ministro di Singapore, di formazione britannica,

Lorenz del Belgio Arciduca d’Austria-Este – Reale belga

Luigi Alfonso duca d’Angiò – Duca d’Angiò, pretendente del defunto re di Francia

Gerard Louis-Dreyfus – presidente della Louis Dreyfus Energy Services, patrimonio netto 2,9 miliardi di dollari

Mabel Principessa di Orange-Nassau – moglie del 2° figlio della Regina Beatrice dei Paesi Bassi

Peter Mandelson – burocrate britannico, deputato, ex commissario europeo per il commercio, legato ai Rothschild

Sir David Manning – ex ambasciatore britannico negli Stati Uniti, collegato all’invasione dell’Iraq, ex ambasciatore britannico in Israele

Margherita Arciduchessa d’Austria-Este – Moglie dell’Arciduca d’Austria-Est

Margrethe II Regina di Danimarca – Regina di Danimarca

Guillermo Ortiz Martinez – Burocrate messicano, ex-ambasciatore presso il FMI

Alexander Mashkevitch – Oligarca Khazak-Israeliano, metalli e gas in Khazakstan, collegato all’ENRC

Stefano Massimo Principe di Roccasecca dei Volsci – Rampollo della dinastia Massimo e dei reali italiani

Fabrizio Massimo-Brancaccio Principe di Arsoli e Triggiano – Dinastia Massimo e regalità italiana

William Joseph McDonough – vicepresidente di Merril Lynch, ex presidente della Federal Reserve di New York, ex First National Bank di Chicago, CFR

Mack McLarty – ex capo dello staff della Casa Bianca sotto Clinton, amministratore delegato di McLarty Companies, consiglio di amministrazione di Arkla Gas, National Petroleum Council, legato a Kissinger

Yves Mersch – Governatore della Banca Centrale del Lussemburgo, membro del consiglio direttivo della Banca Centrale Europea, collegato alla BIIS

Michael Prince of Kent – Reale britannico, cugino di primo grado di Elisabetta II, gran maestro di due logge massoniche

Michele Re di Romania – Re di Romania, cugino di terzo grado di Elisabetta II, legato al comunismo

David Miliband – burocrate britannico

Ed Miliband – burocrate e parlamentare britannico, ha studiato a Oxford e alla London School of Economics, il padre era marxista

Lakshmi Mittal – magnate indiano dell’acciaio, amministratore delegato di ArcelorMittal – la più grande azienda siderurgica del mondo, legato a Goldman Sachs

Glen Moreno – presidente ad interim di UK Financial Investments Limited che gestisce le partecipazioni bancarie del governo britannico, ex-Citigroup, direttore di Fidelity International, presidente di Pearson, legato a Lloyds Banking

Moritz Principe e Langravio d’Assia-Kassel – Principe d’Assia-Kassel

Rupert Murdoch – magnate australiano-americano dei media, proprietario di NewsCorp e Fox, accusato dai tribunali di corruzione, intercettazione, diffamazione, menzogna, insider trading, massone, collegato alla sparatoria in Norvegia, collegato al 911, collegato alla guerra illegale in Iraq.

Carlo Napoleone – capo della Casa Imperiale di Francia

Jacques Nasser – presidente libanese di BHP Billiton, collegato a JP Morgan Chase, Sky Corp e Ford Motors.

Robin Niblett – Direttore di Chatham House (RIIA) – collegato a tutte le guerre, i furti di massa e le atrocità dal 1920.

Vincent Nichols – Arcivescovo di Westminster, capo della Chiesa cattolica romana in Inghilterra e Galles, collegato ad abusi su ragazzi

Adolfo Nicolas – 30° Papa Nero, Superiore Generale della Compagnia di Gesù (Gesuiti), capo del più grande ordine maschile del Vaticano.

Christian Noyer – Presidente della Banca dei Regolamenti Internazionali, governatore della Banca di Francia, ex vicepresidente del Comitato esecutivo della Banca Centrale Europea

Sammy Ofer – magnate israeliano del trasporto marittimo, patrimonio netto di 10,3 miliardi di dollari con il fratello Yuli, deceduto

Alexandra Ogilvy Lady Ogilvy – Principessa del Regno Unito, cugina di Elisabetta II

David Ogilvy 13° Conte di Airlie – sposato con la Principessa Alexandra, Lord Ciambellano, educato a Eton, Cavaliere del Cardo, ex-direttore di Schroders

Jorma Ollila – Presidente di Nokia, consiglio di amministrazione di Ford Motor Company, presidente non esecutivo di Royal Dutch Shell, ex-Citibank, Bilderberg

Nicky Oppenheimer – Presidente sudafricano dell’industria mineraria di diamanti De Beers, azionista dell’industria mineraria Anglo American, patrimonio netto di 6 miliardi di dollari.

George Osborne – burocrate britannico, Cancelliere dello Scacchiere del Regno Unito, ex parlamentare, Bullingdon Club di Oxford, legato ai Rotshchild

Frederic Oudea – CEO Societe Generale

Sir John Parker – ex presidente di National Grid e Anglo American Mining, ex Banca d’Inghilterra, nominato cavaliere da Elisabetta II.

Chris Patten – presidente del BBC Trust, ultimo governatore di Hong Kong in mano britannica, ex parlamentare, legato a Papa Benedetto

Michel Pebereau – Presidente della Banca Nazionale di Parigi

Gareth Penny – CEO di AMG Mining, la società mineraria numero 1 al mondo, ex De Beers e Anglo American Mining, studioso Rhodes a Oxford e Eton.

Shimon Peres – Presidente di Israele, ex-PM di Israele, collegato all’assassinio di Y. Rabin, falso pacificatore, collegato all’11 settembre.

Filippo Duca di Edimburgo – marito di Elisabetta II, reale tedesco-danese, patrocinatore di oltre 800 organizzazioni, globalista, razzista, ha parlato pubblicamente a favore del genocidio di massa e dello spopolamento, massone, presunto mandante dell’omicidio della madre di suo nipote, la Principessa Diana.

Dom Duarte Pio Duca di Braganza – Duca di Braganza

Karl Otto Pohl – Economista tedesco, presidente della Deutsche Bundesbank, ex presidente del Consiglio della Banca Centrale.

Colin Powell – ex Segretario di Stato americano, generale in pensione, ex presidente degli Stati Maggiori Riuniti, ex consigliere per la sicurezza nazionale di Reagan, legato a entrambe le guerre in Iraq

Mikhail Prokhorov – Oligarca russo, ex proprietario di Norilsk Nickel, ex presidente di Polyus Gold, ex presidente del fondo d’investimento ONEXIM GROUP 17 miliardi di dollari, patrimonio netto 13,2 miliardi di dollari.

Guy Quaden – Governatore della Banca nazionale del Belgio, membro del consiglio di amministrazione della Banca centrale europea

Anders Fogh Rasmussen – Segretario generale della NATO, ex-PM della Danimarca, ex-Presidente dell’Unione Europea, legato alla guerra in Iraq

Joseph Alois Ratzinger (Papa Benedetto XVI) – 265° Papa, ex Gioventù hitleriana, ha partecipato al Concilio Vaticano II, capo dell’Inquisizione in Vaticano, ha insabbiato un numero incalcolabile di casi di abusi permettendo che continuassero e che i responsabili rimanessero impuniti, ha insabbiato le scoperte dell’Olocausto dei nativi canadesi (da parte del Regno Unito e del Vaticano).

David Reuben – Oligarca ebreo britannico, patrimonio netto con il fratello di 9 miliardi di dollari, CEO di Reuben Brothers, proprietario di Trans-World Metals, proprietario di Global Switch, molti altri interessi commerciali.

Simon Reuben – Oligarca ebreo britannico, patrimonio netto con il fratello di 9 miliardi di dollari, CEO di Reuben Brothers, proprietario di Trans-World Metals, proprietario di Global Switch, molti altri interessi commerciali.

William R. Rhodes – CEO William R. Rhodes Global Advisers, ex-Citigroup e Citibank, coinvolto in schemi bancari internazionali in Sud America, direttore della Private Export Funding Corporation, CFR, globalista e molto altro ancora.

Susan Rice – Ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ex Consiglio di sicurezza nazionale, studiosa di Rhodes, legata a Clinton.

Richard Duke of Gloucester – Duca di Gloucester, cugino di Elisabetta II

Sir Malcolm Rifkind – Burocrate britannico, ex Segretario di Stato per la Scozia, Segretario alla Difesa, Segretario agli Esteri, ex parlamentare.

Sir John Ritblat – ex-CEO della British Land Company, capo di diverse organizzazioni reali britanniche

Stephen S. Roach – Dirigente di Morgan Stanley, professore a Yale e all’Istituto Jackson per gli Affari Globali.

Mary Robinson – ex presidente dell’Irlanda, ex Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha ricevuto la medaglia presidenziale per la libertà per aver saputo quando parlare e quando non farlo in materia di diritti umani.

David Rockefeller Jr. – figlio maggiore di David Rockefeller, membro di quarta generazione della dinastia Rockefeller; le fondazioni Rockefeller sono state utilizzate per cucire il male in tutto il mondo e in particolare negli Stati Uniti, sotto l’apparenza del bene.

David Rockefeller Sr. – patriarca della famiglia Rockefeller, patrimonio netto di 2,9 miliardi di dollari, proprietario della Chase Manhattan Bank, proprietario della Exxon Mobil, collegato alla CIA, collegato a Kissinger, capo dichiarato di una cabala globalista, stretto controllo di gran parte dei media USA, Commissione Trilaterale

Nicholas Rockefeller – dinastia Rockefeller, ha avvertito Aaron Russo dell’11 settembre, nessun legame

Javier Echevarria Rodriguez – vescovo cattolico spagnolo, capo dell’Opus Dei

Kenneth Rogoff – Professore di economia ad Harvard, ex-FMI, Consiglio dei Governatori della Federal Reserve

Jean-Pierre Roth – Presidente del Consiglio di amministrazione della Banca dei Regolamenti Internazionali, governatore del FMI per la Svizzera, ex presidente della Banca nazionale svizzera, direttore di Nestle e Swatch

Jacob Rothschild – 4° Barone Rothschild, presidente di RIT Capital investments, formazione a Eton, ex presidente di N M Rothschild & Sons, Consiglio del Ducato di Cornovaglia del Principe di Galles, comitato consultivo di Blackstone Group, ex presidente di BSkyB Television, direttore di RHJ International.

David Rubenstein – co-fondatore del Carlyle Group, patrimonio netto di 2,6 miliardi di dollari, CFR, consigliere presidenziale di Carter

Robert Rubin – ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti, ex Goldman Sachs, ex Citigroup, copresidente del CFR, membro del consiglio di amministrazione di Harvard, ex consiglio di amministrazione del NYSE, consiglio di amministrazione della Carnegie Corp. e della U.S. Securities and Exchange Commission, collegato alla Enron.

Francesco Ruspoli, 10° Principe di Cerveteri – Famiglia reale italiana

Joseph Safra – banchiere ebreo siro-brasiliano, proprietario del Safra Group, patrimonio netto 11,4 miliardi di dollari.

Moises Safra – banchiere ebreo siro-brasiliano, cofondatore del Banco Safra

Peter Sands – banchiere britannico, CEO di Standard Chartered, laureato a Oxford e Harvard, membro del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto di Finanza Internazionale.

Nicolas Sarkozy – ex presidente della Francia (5/15/12), burocrate

Isaac Sassoon – nato nella dinastia londinese dei Sassoon, rabbino sefardita, scrittore

James Sassoon – Segretario commerciale al Tesoro del Regno Unito, Camera dei Lord, consigliere del premier britannico David Cameron.

Sir Robert John Sawers – capo dei servizi segreti del Regno Unito (MI6), ex rappresentante permanente britannico presso le Nazioni Unite, ex consigliere per gli affari esteri di Tony Blair.

Marjorie Scardino – CEO di Pearson PLC, direttore non esecutivo di Nokia, ex-CEO dell’Economist Group

Klaus Schwab – fondatore del World Economic Forum, ex professore dell’Università di Ginevra

Karel Schwarzenberg – Principe di Schwarzenberg, Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Ceca, Commissione Trilaterale, Bilderberg

Stephen A. Schwarzman – cofondatore del Blackstone Group, patrimonio netto di 4,7 miliardi di dollari, Skull and Bones di Yale, ha studiato anche ad Harvard, ex-Lehman Brothers.

Sidney Shapiro – ebreo-americano, naturalizzato cinese, membro del Consiglio consultivo politico del popolo cinese

Nigel Sheinwald – burocrate britannico, ex ambasciatore britannico negli USA, consigliere di Tony Blair, Cavaliere di Gran Croce

Sigismondo Granduca di Toscana Arciduca d’Austria – Granduca di Toscana e Arciduca d’Austria, Gran Maestro dell’Ordine di San Giuseppe

Simeone Borisov di Sassonia-Coburgo e Gotha – Primo ministro della Bulgaria, ex zar di Bulgaria, cugino di Elisabetta II (dinastia Sassonia-Coburgo-Gotha)

Olympia Snowe – Senatrice statunitense, ha lavorato per William Cohen, legata a Rockefeller, ha contribuito ad assolvere Bill Clinton durante l’impeachment, ha sostenuto la guerra del Kosovo, l’Afghanistan e l’Iraq, favorevole all’aborto.

Sofia Regina di Spagna – Moglie di Re Juan Carlos di Spagna, Principessa di Grecia e Danimarca, cugina di Elisabetta II

George Soros – Oligarca ebreo ungherese-americano, presidente dell’hedge fund Soros Fund Management, patrimonio netto di 20 miliardi di dollari, presidente dell’Open Society Institute, ha definito l’occupazione nazista dell’Ungheria e l’accompagnamento di un ufficiale che sequestrava le proprietà degli ebrei come “il momento più bello della mia vita”, ha frequentato la London School of Economics, globalista e avvoltoio legato a numerosi sconvolgimenti economici e rivoluzioni artificiose soprattutto nell’Europa dell’Est.

Arlen Specter – Senatore degli Stati Uniti, ebreo, ha studiato a Yale, ex giudice federale, ha ideato la “teoria del proiettile singolo” nell’insabbiamento dell’assassinio JFK da parte della Commissione Warren, professore alla facoltà di legge dell’Università della Pennsylvania, ha contribuito alla guerra in Iraq e al Patriot Act.

Ernest Stern – ex direttore della Banca Mondiale, ex direttore della JP Morgan, membro del Gruppo dei 30, direttore del Centro per lo sviluppo globale, membro del Consiglio di amministrazione del Centro internazionale per la crescita economica.

Dennis Stevenson – barone britannico, Camera dei Lord, Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico, nominato cavaliere da Elisabetta II, direttore di British Technology Group, Tyne Tees Television, Manpower Inc., Thames Television, J. Rothschild Assurance, English partnerships, BSkyB, Lazard Bros, St. James Place Capital, presidente di Maocap e Aldeburgh Music, direttore di Western Union, Loudwater Partners e The Economist, presidente di HBOS, ex Halifax plc e Bank of Scotland, cancelliere della University of Arts di Londra.

Tom Steyer – fondatore dell’hedge fund Farallon Capital Management, membro del consiglio di amministrazione dell’Università di Stanford, legato a Warren Buffett, ha studiato a Yale, ex-Goldman Sachs, legato a Robert Rubin, ex-Morgan Stanley, legato a Hillary Clinton.

Joseph Stiglitz – economista ebreo-americano, autore e professore, vicepresidente senior e capo economista della Banca Mondiale, premio Nobel per l’economia per una tecnica chiamata screening utilizzata per estrarre informazioni private da un altro agente economico, fondatore del think tank globalista Initiative for Policy Dialogue, professore alla Columbia University, membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, ex professore MIT, Yale, Stanford, Duke, Oxford e Princeton, presidente del Consiglio dei Consiglieri Economici del Presidente sotto Clinton.

Dominique Strauss-Kahn – politico francese, ex direttore del Fondo Monetario Internazionale (FMI), ex ministro dell’Economia e delle Finanze, ex ministro dell’Industria e del Commercio estero, comunista, accusato da un tribunale di aggressione sessuale

Jack Straw – politico britannico, deputato, ex ministro degli Interni, ex ministro degli Esteri, ex leader della Camera dei Comuni, ex Lord High Chancellor, ex segretario di Stato per la Giustizia, ex Shadow Lord High Chancellor, accusato di rendition e torture

Peter Sutherland – presidente di Goldman Sachs International, commissario UE, ex procuratore generale d’Irlanda, ex direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), ex direttore di Royal Bank of Scotland, ex membro del consiglio di amministrazione di ABB, del comitato direttivo del Bilderberg, presidente onorario della Commissione Trilaterale, ex vicepresidente della Tavola rotonda europea degli industriali, legato all’ingresso dell’Irlanda nell’UE, Presidente del think tank britannico globalista Federal Trust for Education and Research, membro del think tank britannico pro-europeo e globalista Businesses for New Europe, ambasciatore di buona volontà presso l’UNIDO (ONU), presidente del consiglio della London School of Economics, consigliere finanziario del Vaticano, co-presidente dell’High Level Group, legato a Rockefeller, cavaliere onorario di Elisabetta II.

Mary Tanner – anglicana britannica, presidente del Consiglio Mondiale delle Chiese, Dama Comandante dell’Ordine dell’Impero Britannico

Ettore Gotti Tedeschi – Banchiere italiano, Presidente della Banca Vaticana

Mark Thompson – Direttore generale della BBC, di formazione gesuita e anche di Oxford, accusato dall’opinione pubblica di parzialità.

James Thomson – ex presidente e amministratore delegato della RAND Corporation, ex Consiglio di Sicurezza Nazionale, CFR, membro del think tank globalista International Institute for Strategic Studies, direttore di AK steel Corporation, Encysive Pharmaceuticals e Object Reservoir.

Hans Tietmeyer – Vicepresidente del Consiglio di amministrazione della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), ex presidente della Deutsche Bundesbank, ex presidente della London Business School, membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, professore all’Università Cattolica di Eichstatt-Ingolstadt.

Jean-Claude Trichet – francese, ex presidente della Banca centrale europea, membro del Gruppo dei 30, ex governatore della Banque de France, spinge per una maggiore integrazione europea, presidente di Breugel’s, membro del consiglio di amministrazione della Società europea per la difesa aeronautica e lo spazio.

Paul Tucker – direttore esecutivo della Banca d’Inghilterra, vicegovernatore della Banca d’Inghilterra

Herman Van Rompuy – Presidente del Consiglio europeo, Gran Cordone dell’Ordine di Leopoldo, ex-PM del Belgio

Alvaro Uribe Velez – Presidente della Colombia, ha studiato ad Harvard, ha ricevuto la borsa di studio Simon Bolivar delle borse di studio britanniche Chevenin, membro associato senior del St. Antony’s College di Oxford, presunti legami con il cartello della droga di Medellin, grande sostenitore del comunitarismo, collegato al FMI e alla Banca Mondiale, insignito della Medaglia presidenziale della libertà da Bush 43.

Alfons Verplaetse – ex governatore della Banca nazionale del Belgio, consiglio dei governatori dell’Istituto monetario europeo, consiglio direttivo della Banca centrale europea.

Kaspar Villiger – ex presidente del consiglio di amministrazione della banca svizzera UBS (Union Bank of Switzerland), ex membro del Consiglio federale svizzero, membro del consiglio di amministrazione di Nestle e Swiss Re, membro della Global Leadership Foundation globalista.

Maria Vladimirovna Granduchessa di Russia – Granduchessa di Russia, studiata a Oxford, erede contesa dell’Imperatrice di Russia e del capo della dinastia Romanov, Dama di Gran Croce del Sovrano Militare Ordine di Malta.
Militare dell’Ordine di Malta

Paul Volcker – ex presidente della Federal Reserve, ex presidente del Comitato consultivo per la ripresa economica sotto Obama, ha studiato a Princeton, Harvard e alla London School of Economics, Borsista degli Ambasciatori della Fondazione Rotary, collegato alla fine del gold standard del dollaro negli Stati Uniti, ex presidente di Wolfensohn & Co.

Otto von Habsburg – Arciduca d’Austria, ex Principe ereditario d’Austria-Ungheria, ex Capo della Casa Imperiale d’Asburgo, Sovrano dell’Ordine del Toson d’Oro, ex Vicepresidente dell’Unione Paneuropea Internazionale, ex Parlamento Europeo, ha avuto un ruolo nelle rivoluzioni dell’Europa Orientale contro il regime comunista.

Hassanal Bolkiah Mu’izzaddin Waddaulah Sultano del Brunei – ELENCO DUE VOLTE

Sir David Walker – ex presidente di Morgan Stanley International, ex segretario aggiunto del Tesoro britannico, ex presidente del Securities and Investments Board, direttore esecutivo per la finanza e l’industria della Banca d’Inghilterra, ex vicepresidente di Lloyds TSB, membro del Group of 30, ex Reuters Holdings, presidente dell’Associazione dei banchieri d’investimento di Londra.

Jacob Wallenberg – banchiere e industriale svedese, ex presidente e amministratore delegato di Skandinaviska Enskilda Banken, membro del consiglio di amministrazione di Atlas Copco, SAS Group, ABB Group, Coca-Cola Company, investitore della Stockholm School of Economics, Cavaliere dell’Ordine dei Serafini.

John Walsh – ex Comptroller of Currency degli Stati Uniti, ex direttore esecutivo di Group of 30, ex membro del Comitato bancario del Senato degli Stati Uniti, ex Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, ha contribuito all’attuazione di Basilea III negli Stati Uniti, deceduto.

Max Warburg – Proprietario della M.M. Warburg and Co. rampollo della dinastia bancaria ebraica Warburg

Axel Alfred Weber – Economista e banchiere tedesco, presidente del Consiglio di amministrazione di UBS, ex presidente della Deutsche Bundesbank, ex membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea, professore all’Università di Chicago, ex membro del Consiglio di amministrazione della Banca dei regolamenti internazionali.

Michel David-Weill – banchiere d’investimento francese, ex presidente di Lazard Freres, direttore di Groupe Danone foods, Commendatore della Legion d’Onore, Commendatore dell’Ordre des Arts et des Lettres

Nout Wellink – economista e banchiere centrale olandese, presidente della De Nederlandsche Bank (DNB), direttore della Banca dei Regolamenti Internazionali, membro del Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea, governatore del Fondo Monetario Internazionale (FMI), membro del Consiglio per la stabilità finanziaria (FSB), ex Ministero delle Finanze olandese, Commissione Trilaterale, ex presidente del Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria, Cavaliere dell’Ordine del Leone dei Paesi Bassi.

Marina von Neumann Whitman – ex direttore del Consiglio per le relazioni estere (CFR), professore all’Università del Michigan e alla Gerald R. Ford School of Public Policy, membro del consiglio di amministrazione del Peterson Institute, ex vicepresidente della General Motors Corp.

Willem-Alexander Principe d’Orange – Principe d’Orange, Principe dei Paesi Bassi, erede al trono del Regno dei Paesi Bassi, figlio maggiore della Regina Beatrice, capo della Casa di Amsberg, cugino di Elisabetta II, membro del Partenariato Globale per l’Acqua istituito dalla Banca Mondiale, dalle Nazioni Unite e dalla Svezia, membro del Raad van State, membro di numerosi ordini internazionali.

William Principe di Galles – Principe di Galles, Duca di Cambridge, secondo in linea di successione al trono del Commonwealth britannico, ha studiato all’Eton College, Cavaliere Reale Compagno del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera, discendente di diverse potenti dinastie reali.

Dr. Rowan Williams – Arcivescovo di Canterbury, Primate di tutta l’Inghilterra, capo titolare della Chiesa anglicana, ha studiato a Oxford, professore a Oxford.

Shirley Williams – Presidente del Royal Institute of International Affairs (RIIA), barone britannico, Camera dei Lord, ex parlamentare, professore ad Harvard, educato ad Oxford, CFR, Bilderberg, membro di molti think tank e organizzazioni globaliste.

David Wilson – Barone Wilson di Tillyorn, ex governatore di Hong Kong, ex presidente della Scottish Hydro Electric, membro del consiglio di amministrazione del British Council, Cavaliere del Cardo, presidente della Royal Society di Edimburgo.

James Wolfensohn – ex presidente del Gruppo Banca Mondiale, ha studiato ad Harvard, ex direttore della banca d’investimento J. Henry Schroder & Co, ex dirigente della Salomon Brothers, fondatore della Wolfensohn & Company, presidente dell’International Advisory Board di Citigroup, membro dell’International Advisory Council della China Investment Corporation, fiduciario della globalista Brookings Institution, fiduciario della Rockefeller Foundation, del CFR, del Bilderberg, del World Economic Forum, del globalista Aspen Institute, cavaliere dell’Ordine dell’Impero Britannico, collegato ai Rothschild.

Neal S. Wolin – Vicesegretario al Tesoro degli Stati Uniti, Consiglio per la sicurezza nazionale sotto Clinton, ha studiato a Yale, assistente esecutivo di 3 direttori della CIA, membro della Brookings Institution, amministratore delegato di Hartford Financial Services Group, CFR

Harry Woolf – Barone Woolf, ebreo-britannico, Lord Chief Justice di Inghilterra e Galles, ex-Master of the Rolls, ex-giudice a Hong Kong

James Jr. Woolsey – ex capo della CIA, borsista Rhodes a Oxford, ha studiato anche a Yale, membro di molte fondazioni, think tank e ONG globaliste, ex presidente di Freedom House, vicepresidente senior di Booz Allen Hamilton, membro del Project for a New American Century legato all’11 settembre e alla guerra in Iraq, legato alla truffa del riscaldamento globale, dipendente di Lux Capital, cofondatore del Consiglio per la sicurezza energetica degli Stati Uniti, accusato di trarre profitto dalla guerra in Iraq e di avere uno zelo da crociato per il conflitto con l’Islam.

Sir Robert Worcester – fondatore di Market and Opinion Research International (MORI), direttore internazionale di Ipsos Group, Cavaliere Comandante dell’Eccellentissimo Ordine dell’Impero Britannico, Freeman della City di Londra, fiduciario del Magna Carta Trust, membro di numerose organizzazioni globaliste.

Sarah Wu – Direttore generale dell’Autorità monetaria di Hong Kong (Londra)

Robert Zoellick – Presidente della Banca Mondiale, ha studiato ad Harvard, ex Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, ex vicepresidente esecutivo di Fannie Mae, ex professore all’Accademia Navale degli Stati Uniti, ex vice capo di gabinetto della Casa Bianca sotto Bush 41, membro del PNAC legato all’11 settembre e alla guerra in Iraq, ex capo del Centro globalista per gli studi internazionali, ex consiglio di amministrazione di Enron, ex membro dell’ufficio esecutivo sotto Bush 43, ha contribuito a far entrare la Cina nell’OMC, ha promosso pesantemente l’accordo di libero scambio centroamericano (CAFTA), è legato ai tentativi legali dell’OMC di imporre alimenti geneticamente modificati nell’Unione europea, promuove il globalismo.

Le “nazioni” ammesse del Commonwealth britannico (TUTTE le “ex” colonie):

Africa Botswana Camerun Gambia Ghana KENYA Lesotho Malawi Mauritius Mozambico Namibia NIGERIA Seychelles Sierra Leone SUD AFRICA Swaziland Tanzania UGANDA Zambia ZIMBABWE (ex RODESIA)

Asia

BANGLADESH INDIA Maldive PAKISTAN Sri Lanka

Caraibi

Antigua e Barbuda Bahamas Barbados Belize Dominica Grenada Guyana Giamaica Saint Kitts e Nevis Santa Lucia Saint Vincent e Grenadine Trinidad e Tobago

Pacifico

AUSTRALIA Kiribati Nauru NUOVA ZELANDA Papua Nuova Guinea Isole Salomone Tonga Tuvalu Samoa Occidentali Brunei Malesia Singapore

ALTRO

CANADA
Cipro
Malta
Regno Unito (Inghilterra, Scozia, Irlanda, Galles)

USA?
Israele?
UE?
Quanti altri?

Fonte: Toba60

Seguici sui nostri social

Telegram Sfero Odysee truthsocial
Dr. John Coleman, ex Capo dell’FBI, mette a nudo l’intento degli illuminati e del comitato dei 300.“In Esclusiva Tutti i Nominativi”