Bologna Città 30
Se ti piace l'articolo, condividilo

Dal sito ufficiale, la presentazione idilliaca di Bologna Città 30…
Bologna Città 30 è un nuovo concetto di città, ancora più vicina alle esigenze di tutte le persone che la abitano. Nessuna esclusa.
P.S. Le sanzioni saranno attive dal 16 gennaio 2024

Bologna Città 30

Bologna è la prima grande città italiana a diventare Città 30.
Per una città con strade più sicure e belle, meno rumore e più tranquilla per tutte le persone!

Molti pensano che coincida solo con l’introduzione di un limite a 30 chilometri orari.
In realtà Bologna Città 30 è molto di più.

È una città che si trasforma per diventare più silenziosa e più spaziosa, per avere strade sicure e curate, nuove aree verdi, piazze pedonali e piste ciclabili, attraversamenti tranquilli per le persone anziane e con disabilità, spazi protetti per i bambini davanti alle scuole, un traffico più fluido per tutti i mezzi.

È una città che mette al centro la salute delle persone e punta ad azzerare le morti in strada.

Bologna Città 30 è un nuovo concetto di città, ancora più vicina alle esigenze di tutte le persone che la abitano. Nessuna esclusa.

Bologna Città 30
Mappa delle velocità

I 30 km/h diventano la normalità e interessano tutte le strade cittadine in cui c’è un forte mix di utenti (automobili, motorini, persone a piedi e in bici), e convivono diverse funzioni (traffico, abitazioni, negozi, parchi, scuole, etc.).

I 50 km/h restano nelle strade di scorrimento, che hanno particolari caratteristiche (come l’elevato numero di corsie o la presenza dello spartitraffico centrale), particolari funzioni (per lo più di solo transito dei veicoli a motore), infrastrutture separate per gli utenti più vulnerabili.

Inoltre, nelle parti esterne alla città 30, tutte le strade rimangono a 50 km/h o comunque alle altre velocità già in vigore, come ad esempio la tangenziale e l’asse attrezzato.

Mappa degli interventi

La Città 30 è molto più di un limite di velocità o un cartello stradale: è anche e soprattutto un piano che dà “più spazio alle persone”, ripensando e modificando fisicamente le strade.
Per renderle davvero uno spazio pubblico sicuro, confortevole, accessibile, distribuito più equamente fra tutte e tutti i cittadini.

Nei prossimi tre anni Bologna cambierà volto con un programma da 24 milioni di euro di interventi stradali, che daranno via via sempre più corpo alla Città 30 e mirano a:

  • aumentare la sicurezza stradale per tutti gli utenti, con interventi di rallentamento della velocità e di messa in sicurezza di strade, incroci e attraversamenti;
  • promuovere la mobilità sostenibile, con nuove piazze pedonali, piazze e strade scolastiche, piste e corsie ciclabili, trasporti pubblici (tram, filobus, SFM);
  • favorire l’accessibilità universale, con la manutenzione dei marciapiedi e l’abbattimento delle barriere architettoniche;
  • migliorare la qualità diffusa dello spazio pubblico, con nuovi assetti stradali complessivi e nuove centralità urbane nei quartieri.

Mappa degli interventi

I vantaggi

  • Più sicurezza stradale
  • Meno inquinamento e consumi energetici
  • Più mobilità attiva
  • Traffico più fluido e meno stress
  • Ci metti lo stesso tempo
  • Meno rumore
  • Più spazio per tutti
  • Più economia locale

Vedi nel dettaglio qui

Cosa cambia a Bologna

  • Migliora lo spazio pubblico
  • Tutta la città a 30 km/h
  • Le strade che restano a 50 km/h
  • Quando ti muovi…
  • La nuova segnaletica
  • E le multe?

Vedi nel dettaglio qui

Domande frequenti

FONTE: Bologna Città 30

Seguici sui nostri social

Telegram Sfero Odysee truthsocial
Bologna Città 30
Tag: