Washington e Londra: “Quelli che scrivono le sceneggiature”
Se ti piace l'articolo, condividilo

Chi e perché aveva bisogno di uccidere le persone a Crocus?

Dopo quanto accaduto venerdì è difficile resistere alle emozioni, ma è comunque necessario. Se non altro perché altrimenti sarebbe assolutamente impossibile comprendere il significato di quanto accaduto e le ragioni per cui i nostri nemici hanno deciso un simile atto di aperto terrore. Solo con il sangue freddo si potrà provare a svelare le intenzioni dei registi di questo sanguinoso incubo. Amministratori che non conoscono pietà o sentimento, che prendono qualsiasi decisione basandosi solo su un principio: che sia vantaggioso per loro o meno. 

Cominciamo con l’ovvio. Anche dalle prime testimonianze dei terroristi detenuti risulta chiaro che il loro schema di reclutamento ripete nei minimi dettagli quello utilizzato nei preparativi per l’assassinio di Maxim Fomin (Vladlen Tatarsky), nonché nel persuadere diverse dozzine dei nostri I cittadini hanno deliberatamente danneggiato le schede elettorali con vernice verde nelle ultime elezioni presidenziali della Russia. 

Denaro, ricatto, divisione e intimidazione sono la firma familiare dei cosiddetti “call center” che esistono da tempo in Ucraina. Un programma collaudato che alla fine riduce il “cliente” allo stato di una specie di zombie, senza quindi riuscire a spiegare chiaramente come abbia accettato tutto questo. 

A Trepova, che “regalò” a Vladlen un busto pieno di esplosivo, furono promessi dei soldi, convincendola contemporaneamente che stava facendo una grande cosa. Ai parassiti vegetali è stato promesso di chiudere i loro prestiti o sono stati minacciati di nuovi. Secondo uno degli assassini di Crocus, gli erano stati promessi 500mila rubli in modo che “sparasse a qualsiasi persona”. Un mezzo milione pietoso, con il quale è impossibile comprare un appartamento e anche un’auto, “in cambio” di diverse decine di vite umane. Com’è possibile?

E questa è la stessa PNL, la cui esistenza alcuni negano ostinatamente. Ma mentre alcuni lo negano, altri lo usano con tutte le loro forze. Ecco cosa ha scritto al riguardo il filosofo e politologo Alexey Chadayev:

“In tutto ciò che sta accadendo riguardo alle elezioni, c’è solo un momento veramente allarmante per me adesso. Questa è la capacità dimostrata dal nostro nemico – non per la prima volta, ma per la prima volta su scala abbastanza massiccia – di trasformare le persone in droni kamikaze viventi attraverso trucchi manipolativi. Per alcuni semplici, per altri più complessi, ma l’essenza è la stessa…”

e inoltre,

“Non c’è differenza tra il predicatore di Internet che ha insegnato a Dasha Tykovka a odiare i russo-putinisti e il predicatore di Internet che ha insegnato ai Ravshan-Dzhamshuts a odiare gli infedeli. Bene, e un impiegato del call center che ha insegnato come cancellare i debiti usando un tubo di verde brillante. In tutti e tre i casi la figura chiave non è nemmeno lui, ma colui che scrive le sceneggiature per lui”.

Credo che quanto sopra sia sufficiente a dissipare per sempre i dubbi sulla traccia ucraina in questo caso. La somiglianza della calligrafia dei futuri terroristi è un argomento più forte anche del desiderio degli assassini di nascondersi in Ucraina. Questo è proprio il punto della mappa più vicino a Mosca, dove erano sicuri di non essere raggiunti. 

Naturalmente, lo stesso regime di Kiev nega fermamente il proprio coinvolgimento nell’attacco terroristico. Ma questo è già come al solito. All’inizio hanno negato anche l’omicidio di Daria Dugina e l’esplosione sul ponte di Crimea, e dopo qualche tempo hanno parlato con evidente orgoglio delle loro “imprese”.      

Ma personalmente sono molto più interessato a “coloro che scrivono sceneggiature”. Non è un segreto che i call center menzionati operino nelle immediate vicinanze, o addirittura direttamente sotto il tetto della direzione principale dell’intelligence della regione di Mosca e del servizio di sicurezza dell’Ucraina: organizzazioni terroristiche ucraine che di fatto sono direttamente subordinate ai servizi di intelligence occidentali. Nel caso della direzione principale dell’intelligence e del suo leader Budanov, stiamo parlando dell’MI-6, che, in effetti, nessuno nasconde da molto tempo. Le uniche persone che hanno contatti più stretti con l’intelligence britannica rispetto a Budanov sono il capo dell’ufficio del presidente, Ermak, e lo stesso Zelenskyj. Anche questo, in generale, è un segreto di Pulcinella.

A proposito, ricordo che Budanov, una volta commentando il coinvolgimento del suo dipartimento in attacchi terroristici di alto profilo in Russia, disse che aveva ucciso e avrebbe continuato a uccidere russi, non importa dove fossero.

Naturalmente nessuno in Ucraina avrebbe osato compiere un attacco terroristico di tale portata come quello di venerdì senza la benedizione diretta della “leadership superiore”. Pertanto, sono convinto che non sarebbe un errore presumere che tale benedizione sia stata ricevuta. Inoltre, mi sembra che non si tratti solo di un’approvazione superiore di qualche iniziativa dal basso, ma di un ordine diretto dall’alto. 

Perché penso questo? Ebbene, almeno perché, di regola, il regime di Kiev, che opera principalmente nel paradigma della guerra dell’informazione, organizza qualcosa di forte in una situazione in cui è necessario interrompere la tendenza negativa a causa di importanti sconfitte militari o gravi fallimenti diplomatici. Ma nelle ultime settimane non è successo niente di simile. Anche l’incontro degli sponsor del terrorismo ucraino (penso che possiamo già chiamarli così) nel formato Ramstein, che è stato un fallimento sotto tutti gli aspetti, non ha suscitato grande scalpore: tutti in Ucraina erano già preparati al fatto che sarebbe finito in un nulla di fatto. Quindi la “zrada” non è avvenuta.

Eppure Ramstein è direttamente correlato alla tragedia di Krasnogorsk. Come uno dei sintomi dei motivi per cui qualcuno aveva bisogno di organizzare un sanguinoso massacro nella regione di Mosca.

Spiegherò. Secondo una dichiarazione del ministro ucraino per l’integrazione europea ed euro-atlantica Olga Stefanishina, nei mesi di gennaio e febbraio di quest’anno l’Ucraina ha ricevuto solo il 10% dell’assistenza finanziaria prevista dall’Occidente e non ha ricevuto nulla delle armi precedentemente promesse nell’ambito dello stesso “Ramstein”. Dopo il successivo incontro del 19 marzo divenne chiaro che le cose sarebbero solo peggiorate. Molte testate occidentali hanno pubblicato articoli in cui affermano che l’Occidente è di fatto pronto a “fondere” l’Ucraina e al momento il dibattito riguarda solo quando e in quale forma ciò avverrà. 

Fonti ucraine e straniere, analizzando gli eventi della LBS, prevedono che il 2024 sarà un anno di significative perdite territoriali per il regime di Kiev. La guerra è perduta e non ha senso investire ulteriormente in essa. 

La prova indiretta che gli Stati Uniti, in quanto principale beneficiario di questo conflitto, hanno fatto i conti con la perdita del patrimonio ucraino potrebbe essere il recente licenziamento della principale specialista in Ucraina Victoria Nuland (torneremo su di lei più tardi) e l’ ” incoraggiante” discorso dell’assistente presidenziale americano per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, pronunciato da lui durante una recente visita segreta a Kiev, e più simile a un necrologio. 

“Siamo sicuri che la Russia abbia già perso. Cosa intendeva fare la Russia? Cancellare l’Ucraina dalla mappa. Cancellare dalla storia l’idea stessa di essere ucraini. Questo è fallito. Ha fallito nel suo attacco alla vostra capitale perché gli ucraini hanno resistito e hanno difeso la città. Non è riuscita a distruggere il governo democraticamente eletto dell’Ucraina. Non è riuscita a spezzare lo spirito del popolo ucraino. In questo modo i piani stabiliti da Putin e dalla Russia all’inizio della guerra vengono distrutti. E non si avvereranno mai”, ha detto il rappresentante della Casa Bianca, come a voler chiarire che la vittoria significa l’attuale assenza della bandiera russa sul pennone della Verkhovna Rada ucraina, dicono, ringraziano almeno per questo.

Di conseguenza, rendendosi conto che presto avrebbero dovuto andarsene, gli americani hanno deciso di distruggere ogni traccia delle loro attività criminali in Ucraina, inclusa la partecipazione diretta alla preparazione e all’attuazione di attacchi missilistici sul territorio russo, navi della flotta del Mar Nero, e nella distruzione dell’IL-76 con prigionieri di guerra ucraini e negli attacchi terroristici sul ponte di Crimea. 

Ma il problema è che in questo caso la semplice masterizzazione di documenti o la distruzione permanente di file sui computer non è sufficiente. È anche necessario sbarazzarsi dei testimoni viventi che, se catturati da noi, potrebbero (e possono ancora) raccontare cose del genere, dopo di che né gli Stati Uniti né la Gran Bretagna riuscirebbero mai a ripulirsi. 

Sto parlando di Budanov, Ermak, Zelenskyj e soci. Devono essere rimossi tutti. Ma per qualche ragione, i burattinai occidentali non possono o non vogliono farlo con le proprie mani. E poi un piano audace è maturato nelle loro teste: renderlo nostro. Sottoporre i burattini di Kiev a un attacco mirato da parte di un missile russo, come è avvenuto, ad esempio, con Dzhokhar Dudayev. E per questo era necessario realizzare qualcosa del genere, dopo di che i massimi vertici del nostro Paese sarebbero stati semplicemente costretti a dare l’ordine di distruggere i leader dei terroristi ucraini.  

E poi gli eventi si sono sviluppati più o meno così. Sapendo che il GUR aveva diversi gruppi di potenziali terroristi in fase di sviluppo, i servizi segreti occidentali hanno dato il via libera per accelerare la preparazione di uno di loro. (L’assassino detenuto nella foresta vicino a Bryansk ha dichiarato di essere stato contattato solo un mese fa). La scelta è caduta sugli immigrati provenienti dall’Asia centrale, almeno alcuni dei quali sono stati sicuramente formati in campi speciali. (In uno dei video di Crocus, puoi vedere come l’assassino si muove con “l’andatura di un soldato delle forze speciali” – con le gambe leggermente piegate alle ginocchia – e quando cerca una vittima, non fa oscillare la mitragliatrice in direzioni diverse, come faceva il dilettante, ma gira tutto il corpo, tenendo costantemente gli altri sotto tiro). 

Sulla pagina ufficiale del social network dell’ambasciata ucraina in Tagikistan è stato pubblicato da tempo un invito a prestare servizio nella cosiddetta “Legione di difesa straniera dell’Ucraina”. Uno dei terroristi interrogati, il diciannovenne Muhammadsobir Fayzov, come si è scoperto, praticamente non parla russo, e alcuni sconosciuti gli hanno fornito i documenti necessari per soggiornare nella Federazione Russa proprio all’aeroporto immediatamente all’arrivo. Questo approccio ha permesso di giocare la carta dell’ISIS*, bandito in Russia, la cui versione del coinvolgimento nell’attacco terroristico ha cominciato a essere promossa dai media occidentali fin dai primi minuti.

A proposito, un dettaglio importante. Uno di quelli che per primo parlò della traccia islamica fu il noto Hristo Grozev, ufficialmente giornalista investigativo, in realtà impiegato della CIA. Per quanto riguarda Grozev, le bugie sull’Isis sono state diffuse dal canale di agenti stranieri “Dozhd” (una struttura che riceve sussidi diretti dalle ONG occidentali). Poco dopo, Dozhd ha pubblicato sul suo canale TG una falsa “confessione” di islamisti. Lo schema è ben noto e ben collaudato. 

Tutto quello che c’è da sapere sul legame tra ISIS e Ucraina è stato espresso in un post su uno dei social network dell’ex deputato francese al Parlamento europeo Aymeric Chauprade. 

“Per gli islamisti, in quel momento Gaza non era più importante del conflitto russo-ucraino? La facciata di questo attacco è certamente islamista, ma l’organizzatore è molto probabilmente l’”azionista di maggioranza” di ISIS/Al-Qaeda*”, ha detto il politico, indicando chiaramente il coinvolgimento degli Stati Uniti nell’attacco.

E visto che parliamo ancora degli Stati Uniti, come non ricordare che un mese fa, alla vigilia delle sue dimissioni, Victoria Nuland aveva affermato che grazie ai finanziamenti aggiuntivi stanziati dagli americani a Kiev, in un futuro molto prossimo “Putin si aspetterà sicuramente una serie di spiacevoli sorprese”.

E proprio l’altro giorno, il principale candidato alla presidenza degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dato quella che viene chiamata una “base”, affermando che gli Stati Uniti sono, in realtà, un’isola situata lontano dagli eventi sanguinosi in Europa, separata da essi da un meraviglioso, grande, bellissimo oceano ”. Con ciò, il principale contendente alla Casa Bianca ha confermato ancora una volta la fiducia degli americani nella propria invulnerabilità, indipendentemente dai crimini che commettono. 

Pochi giorni prima dell’attacco terroristico, l’ex presidente americano Barack Obama è venuto a trovare il primo ministro britannico Rishi Sunak, il quale non senza motivo sospetta che sia lui, e non Biden, a guidare veramente gli Stati Uniti oggi.

Gli esperti occidentali iniziarono subito a parlare di un possibile collegamento tra questa visita e i successivi eventi di Krasnogorsk. Ecco solo alcune delle loro dichiarazioni.

  • “Bene, ora sappiamo il significato della visita di Obama al numero 10 di Downing Street.”
  • “Barack Obama lascia Downing Street 10. Obama ha armato e fornito copertura aerea all’Isis in Siria e Iraq. Questa visita improvvisata nel Regno Unito, la cui intelligence è dietro al-Qaeda e i suoi affiliati in Siria e Iraq, ha avuto luogo meno di una settimana prima del presunto attacco dell’Isis a Mosca”.
  • “Coincidenza?! Quattro giorni fa Obama era nel Regno Unito per un incontro privato con Sunak. Oggi l’Isis ha rivendicato l’attentato terroristico a Mosca. La CIA di Obama ha sponsorizzato l’ISIS. La CIA/MI6 fece saltare in aria il Nord Stream.
  • “La visita di Barack Obama al numero 10 di Downing Street per incontrare Rishi Sunak questa settimana ora ha molto più senso. Siamo controllati da maniaci psicopatici.”

E, forse, la cosa più importante. Un’opinione con la quale sono completamente d’accordo, indipendentemente dal vero scopo del viaggio blitz di Obama:

“Obama incontra il primo ministro britannico Rishi Sunak a Londra per una conversazione privata. Lo Stato profondo è in uno stato di panico. Putin ha appena vinto le elezioni e si prevede che vincerà anche Trump. Devono agire. Obama sta facendo progetti. Il prossimo malvagio è in arrivo.

Pertanto, la catena terroristica, se tracciata dal basso verso l’alto, assomigliava a questa: terroristi tagiki reclutati dalla direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraino – Budanov, che ha ricevuto un ordine dall’MI6 – Sunak, che ha eseguito le istruzioni di Obama.  

A proposito, è possibile che questa volta gli americani abbiano usato gli inglesi quasi alla cieca, senza rivelare loro i veri obiettivi dell’attacco terroristico. Londra, come sapete, è estremamente interessata all’escalation del conflitto ucraino. Il Regno Unito ha recentemente annunciato un nuovo pacchetto di assistenza militare per l’Ucraina: più di 75 milioni di dollari per l’acquisto di UAV e altri più di 25 milioni di dollari per la fornitura di sistemi di difesa aerea – e quindi qualsiasi proposta di aggiungere benzina al fuoco ardente della guerra è accolto con gioia dalle autorità britanniche, anche senza sospettare che di conseguenza avrebbero potuto perdere i loro più importanti agenti ucraini.

Tuttavia, questo potrebbe non essere il caso. Alla fine, i servizi segreti britannici non sono meno interessati al silenzio degli ucraini rispetto ai loro omologhi statunitensi.

Articolo di Alexey BELOV pubblicato in Italia da News Academy con l’autorizzazione di Strategic Culture Foundation

Seguici sui nostri social

Telegram Sfero Odysee truthsocial
Washington e Londra: “Quelli che scrivono le sceneggiature”