Pfizer sapeva dal primo momento che il suo “vaccino” a M-rna avrebbe causato milioni di morti e feriti
Se ti piace l'articolo, condividilo

Qui tutti i dati ufficiali: un nuovo studio ha stimato che 17 milioni di persone sono morte a causa delle iniezioni di “vaccino” anti-Covid

Un rapporto segreto della Pfizer dimostra che l’azienda SAPEVA già nel febbraio 2021 che il suo “vaccino” COVID mRNA uccideva le persone. Non riportata dai media, una richiesta di Freedom of Information Act (FOIA) del 2021 ha prodotto il cosiddetto “Rapporto confidenziale Pfizer”, che dimostra che il gigante dei vaccini ha sempre saputo che il suo vaccino è mortale.

L’iniezione di mRNA ha causato più di 1200 decessi e decine di migliaia di eventi avversi segnalati, per quanto ne sappiamo, solo nei primi due mesi del lancio, a metà dicembre 2020. Sono stati segnalati anche 23 casi di aborto spontaneo su 270 gravidanze e più di 2.000 segnalazioni di disturbi cardiaci.

Pfizer ha ricevuto tutte queste segnalazioni entro la fine di febbraio 2021 e la stessa azienda ha confermato che le sue iniezioni sono responsabili di “omicidio colposo”. Secondo queste prove, all’epoca Pfizer aveva la responsabilità legale di ritirare immediatamente l’iniezione, ma non l’ha fatto.

Invece, avrebbe continuato a iniettare le sue iniezioni di mRNA a centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. E ancora una volta, grazie all’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense e all’accettazione dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi, Pfizer sta nuovamente iniettando massicciamente al pubblico ancora più iniezioni di mRNA con le cosiddette “dosi di richiamo”.

Pfizer non è solo colpevole di “omicidio colposo”: l’azienda sta commettendo un GENOCIDIO con intento criminale.

Se Pfizer avesse ritirato immediatamente le iniezioni di mRNA alla fine di febbraio 2021, dopo aver ricevuto tutte queste segnalazioni, la qualifica di “omicidio colposo” avrebbe potuto essere applicata. Poiché la Pfizer ha continuato a distribuirle e a somministrarle, questo rientra ora nella categoria del genocidio di massa.

“L’omicidio, a differenza dell’omicidio colposo, implica una ‘intenzione criminale’”, riporta Global Research. “Il vaccino COVID-19 della Pfizer costituisce un atto criminale. Da un punto di vista legale, è un ‘atto di omicidio’ applicato in tutto il mondo a una popolazione oggettiva di 8 miliardi di persone. Finora è stato iniettato a più del 60% della popolazione mondiale”.

In base all’accordo di farmacovigilanza attualmente in vigore, Pfizer è pienamente responsabile della gestione di tutti i dati di sicurezza post-autorizzazione per conto di BioNTech, il suo partner per il vaccino COVID, rendendo anche questa azienda complice di un genocidio di massa.

“La maggior parte dei casi segnalati (34.762) si è verificata negli Stati Uniti (13.739), nel Regno Unito (13.404), in Italia (2.578), in Germania (1.913), in Francia (1.506), in Portogallo (866) e in Spagna (756); i restanti 7.324 sono stati distribuiti in altri 56 Paesi”.

Tutti questi dati, ufficiali e dettagliati in un rapporto della stessa Pfizer, sono innegabili. In altre parole, non si tratta di una teoria della cospirazione. Su questa base, ci sono ora molte prove per formulare procedimenti legali non solo contro Pfizer e BioNTech, ma anche contro agenzie governative come la FDA e il CDC, nonché l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e i media.


Un nuovo studio stima che finora 17 milioni di persone siano state uccise dalle iniezioni di covid e che il rischio di morte sia più elevato nelle fasce di età più anziane

La settimana scorsa, Correlation ha pubblicato uno studio (di seguito in PDF) che ha esaminato la mortalità per tutte le cause in 17 Paesi dell’emisfero meridionale ed equatoriale. Lo studio ha rilevato l’esistenza di un preciso nesso causale tra molti picchi di mortalità per tutte le cause e il rapido rilascio delle iniezioni di covid.

Lo studio ha quantificato il rischio di tossicità fatale per iniezione e ha stimato che i vaccini covid hanno ucciso 17 milioni di persone in tutto il mondo. Ciò significa che le iniezioni di covid hanno ucciso 1 persona su 470 in meno di 3 anni.

Inoltre, lo studio ha rivelato che il rischio di morte non è uguale per tutti i gruppi di età, ma aumenta con l’età. Gli autori hanno osservato che il rischio di tossicità fatale da iniezione è estremamente elevato nella maggior parte degli anziani. Di conseguenza, i governi dovrebbero porre immediatamente fine alla politica di dare priorità agli anziani per le iniezioni di covid-19.

Correlation è una società canadese senza scopo di lucro che mira a condurre ricerche indipendenti su questioni di interesse pubblico. Il 17 settembre, due ricercatori di Correlation, Denis G. Rancourt e Joseph Hickey, insieme ad altri due ricercatori, Marine Baudin e Jérémie Mercier, hanno pubblicato il loro studio Covid-19 Vaccine-Associated Mortality in the Southern Hemisphere.

Sulla sua pagina di Substack, Rancourt ha evidenziato alcune parti dello studio. I punti salienti dello studio possono essere letti qui.

I grafici sottostanti per ciascuno dei 17 Paesi, tratti dallo studio, mostrano la mortalità per tutte le cause (linea blu), la media mobile regredita di un anno della mortalità per tutte le cause (linea rossa) e i vaccini somministrati secondo Our World in Data (linea arancione). La data di dichiarazione di pandemia dell’11 marzo 2020 è indicata da una linea grigia verticale in ogni pannello.

I ricercatori hanno osservato che in 9 dei 17 Paesi non c’è un eccesso di mortalità rilevabile fino all’implementazione dei vaccini (Australia, Malesia, Nuova Zelanda, Paraguay, Filippine, Singapore, Suriname, Thailandia, Uruguay).

Negli altri 8 dei 17 Paesi, un nuovo regime di aumento della mortalità è iniziato dopo l’11 marzo 2020 e prima della somministrazione del vaccino covid-19 (Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Ecuador, Perù, Sudafrica).

In tutti i 17 Paesi, la vaccinazione è associata a un regime di mortalità elevata e non vi è alcuna associazione temporale tra la vaccinazione con covid-19 e una riduzione proporzionale della mortalità per tutte le cause.

Il dottor Mike Yeadon ha condiviso l’articolo sulla Correlazione sul canale Telegram che condivide con Robin Monotti e Cory Morningstar il 19 con il seguente commento:

L’ultimo articolo di Denis Rancourt e colleghi è davvero devastante. Anche se ovviamente non è un’idea nuova, per alcuni di noi queste iniezioni a base di geni erano suscettibili di ferire e uccidere fin dal periodo precedente all’autorizzazione all’uso in emergenza.

Questo articolo quantifica con maggiore precisione l’onere dei decessi causati direttamente da queste iniezioni.

Che io sappia, nessuno ha confutato nessuno dei loro rapporti. Molte critiche, ma niente di specifico.

Potete trovare tutti i precedenti rapporti scientifici di Rancourt sul covid qui.

In studi precedenti condotti su dati provenienti da India, Australia, Israele, Stati Uniti e Canada, Rancourt ha calcolato il tasso di mortalità per dose di vaccino (“vDFR”) a tutte le età a circa lo 0,05%, ovvero 1 decesso ogni 2000 iniezioni, con un valore estremo dell’1% per il caso particolare dell’India.

Il vDFR è il rapporto tra i decessi indotti da vaccino e le dosi di vaccino somministrate in una popolazione, basato sulla valutazione dell’eccesso di mortalità per tutte le cause in un determinato periodo di tempo rispetto al numero di dosi di vaccino somministrate nello stesso periodo.

Il nostro lavoro, che si avvale di ampi dati provenienti dall’Australia e da Israele, ha inoltre dimostrato che il vDFR è esponenziale con l’età (raddoppia ogni 5 anni), raggiungendo circa l’1% per le persone di età superiore agli 80 anni (Rancourt et al., 2023).

In questo ultimo studio, i ricercatori hanno detto che i dati dettagliati sulla mortalità e sulle vaccinazioni in Cile e Perù hanno permesso di risolvere il problema in base all’età e al numero di dosi. “In Cile e Perù, il vDFR aumenta esponenzialmente con l’età (raddoppiando circa ogni 4 anni) ed è massimo con le ultime dosi di richiamo, raggiungendo circa il 5% nelle fasce di età superiori ai 90 anni (1 decesso ogni 20 iniezioni di dosi)”. 4).”

I ricercatori hanno calcolato che il vDFR complessivo per tutte le età nei 17 Paesi era dello 0,12%. Ciò implica circa 17 milioni di decessi da vaccino Covid nel mondo dopo 13,5 miliardi di iniezioni fino al 2 settembre 2023.

I decessi causati dal vaccino Covid corrispondono a un massiccio evento iatrogeno, o danno causato dalle cure mediche, che ha ucciso lo 0,21% della popolazione mondiale in meno di tre anni, scrivono gli autori. Lo 0,21% equivale a un decesso ogni 470 persone in vita. Tutti questi decessi sono dovuti a un “vaccino” che non ha impedito in modo misurabile alcun decesso, hanno aggiunto gli autori.

Qui sotto lo Studio Completo ”Correlation” Svolto da Denis G. Rancourt e Joseph Hickey, Marine Baudin e Jérémie Mercier,

Il rischio complessivo di morte indotto dall’iniezione di vaccini covid-19 in popolazioni reali, dedotto dall’eccesso di mortalità per tutte le cause e dalla sua sincronia con le attuazioni, è globalmente diffuso e molto più alto di quanto riportato negli studi clinici, nel monitoraggio degli eventi avversi e nella determinazione delle cause. statistiche di morte dai certificati di morte, di 3 ordini di grandezza (1.000 volte superiore).

L’ampia dipendenza dall’età e gli ampi valori di vDFR quantificati in questo studio condotto in 17 Paesi di 4 continenti, utilizzando tutti i principali tipi e produttori di vaccino covid-19, dovrebbero indurre i governi a porre immediatamente fine all’infondata politica di salute pubblica di dare priorità ai residenti anziani per le iniezioni di vaccino covid-19 fino a quando non saranno condotte valide analisi rischio-beneficio.

Rhoda Wilson

Fonte: TOBA60

Seguici sui nostri social

Telegram Sfero Odysee truthsocial
Pfizer sapeva dal primo momento che il suo “vaccino” a M-rna avrebbe causato milioni di morti e feriti